Asl, si assumono infermieri a partita iva e non si fanno lavorare quelli contrattualizzati

La denuncia, dopo quelle degli altri sindacati, questa volta arriva dagli esponenti della Cgil funzione pubblica

Durissima presa di posizione da parte della della Cgil con il segretario Giancarlo Cenciarelli per quanto sta accadendo all’interno del personale della ASL di Frosinone, dove ci sono assunzioni senza concorso con infermieri a partita iva. Una situazione che va avanti da molto tempo e che è già stata posta all'attenzione della stampa da altri sindacati e dal consigliere regionale Paquale Ciacciarelli.

La CGIL non ci sta

“Con la necessità di dotarsi urgentemente di ulteriore personale ausiliario, quindi da adibire ai servizi di trasporto dei pazienti e di pulizia degli ambienti, la ASL, con la Delibera n° 785/2018 a firma del Commissario Straordinario dott. Luigi Macchitella, incarica la ditta VIVENDA SPA, che si occupa di ristorazione, di assumere 50 nuovi lavoratori con chiamata diretta”. Denuncia il Segretario Generale Giancarlo Cenciarelli - Come FP CGIL, rileviamo che appare incongruo ampliare un appalto per servizio di ristorazione, quindi basato su maestranze a ciò formate, per affidare anche il servizio ausiliariato che richiede mansioni totalmente diverse.Non comprendiamo come la ASL pensi di risolvere le criticità strutturali di carenza di personale sanitario ricorrendo a tipologie di lavoro che non possono nemmeno entrare in contatto fisico con i degenti”.

Perché non ampliare l'orario dei presenti

Appare non legittimo il fatto che la ASL possa indicare, nella Delibera, che l’appaltatore debba assumere circa 50 nuove unità e non lasci libera l’azienda, eventualmente, di ampliare l’orario dei lavoratori già presenti. Più che un affidamento di Servizio la Delibera 785/2018 sembra prefigurare una intermediazione di manodopera.

Non sono stati stabilizzati i precari storici

“Tutto ciò non può essere passivamente accettato da questa O.S. che ha richiesto un incontro con la Dirigenza dell’ASL e che si riserva di trasmettere le proprie osservazioni alle autorità giudiziarie competenti- scrive il responsabvile di frosinone Giancarlko Cenciarelli-  Dobbiamo anche rilevare che, come Sindacato, abbiamo sempre combattuto le forme di precarietà, soprattutto nel Servizio Pubblico. Non abbiamo neanche terminato di stabilizzare i precari storici in Sanità,che la ASL di Frosinone ne approfitta per crearne subito altri.  Sarebbe ora che i denari pubblici venissero utilizzati per garantire occupazione stabile invece di continuare a fare assunzioni con modalità che potrebbero far venire appetiti spartitori o clientelari. Sarebbe opportuno che la Regione Lazio, anche alla luce delle recenti sentenze che stigmatizzano appalti di servizi che invece mascherano solo intermediazione di manodopera, intervenisse e facesse le necessarie verifiche anche per risparmiare sui futuri contenziosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Maltempo, in arrivo vento forte e neve sulle colline della Ciociaria

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento