Scontro in casa Lega, Thaira Mangiapelo come una furia sul web

Attacco al vetriolo della consigliera comunale di Frosinone sulla conferenza stampa indetta ieri per i nuovi ingressi nel partito

Thaira Mangiapelo

Thaira Mangiapelo scatenata sul web in un post che ha dei destinatari ben precisi: i dirigenti ed i coordinatori della Lega. L'occasione è la conferenza stampa che si è tenuta ieri sera all'Astor Hotel durante la quale è stata ufficializzata l'adesione di 3 consiglieri comunali ed un assessore di Frosinone al movimento di Salvini. 

Il dietrofront

Una conferenza stampa che a detta della consigliera le era stata descritta come "un'occasione per dare impulso all'attività del capoluogo" ignorando quello che in realtà sarebbe accaduto in sala, la presentazione dei nuovi ingressi nel partito. Un fuori programma non gradito tanto che, come lei stessa racconta, ha preferito fare dietrofront sull'uscio di casa non appena saputa la verità, e non prendere parte alla conferenza.

L'attacco

Da lì lo sfogo sul web condito di frecciatine al vetriolo sul mal coordinamento del partito, sull'impossibilità di essere ricevuta dai quadri dirigenti che sarebbero disposti a farsi vedere in zona solo per la "campagna acquisti" e mai disponibili a "fare una passeggiata per vivere la città".

"Cari amici - si legge a margine del commento - il consigliere comunale per le vostre poltrone non lo faccio. Piuttosto,  invista della recente riabilitazione, (con chiaro riferimento al rientro di Mimmo Fagiolo) date impulso ad una segreteria e poi fatela anche funzionare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anagni, 15enne muore durante l' elitrasporto al Bambino Gesù

  • Sora, muore a soli 35 anni l'autotrasportatore Gianluca Caschera

  • Cassino, raccapricciante scritta nei confronti del segretario della Lega giovani

  • Incidente alla stazione di Ceccano, una persona finisce sotto al treno

  • Fiuggi, spaccio tra i vicoli del centro anche a minorenni. Ecco chi sono i quattro arrestati

  • Pensava di essere povero, invece era titolare di ben nove ditte di trasporti, disabile raggirato

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento