Degrado a Selva Piana, la protesta dei residenti: "Dimenticati da tutti" (foto)

Lettera aperta al sindaco Nicola Ottaviani. Cittadini delusi ed abbandonati rivendicano dignità per il loro quartiere

I residenti di Selva Piana di Frosinone tornano a sollecitare il sindaco Nicola Ottaviani e gli assessori competenti affinchè si attivino per riqualificare un quartiere che sembra essere stato dimenticato da tutti.

Degrado ed incuria

Marciapiedi pericolosi con avvallamenti ed erbacce che crescono rigogliose, strade senza segnaletica ma piene di buche, panchine e tavolini del giardinetto inutilizzabili, giochi per i bambini ridotti in condizioni pietose e pericolosi. Ed ancora, la recinzione del campo di calcetto distrutta, campi da bocce trasformati in tappeti erbosi. Impossibile, per giovani e meno giovani, poter usufruire dei luoghi di aggregazione e socializzazione. Insomma il quartiere è abbandonato nel degrado e nell'incuria più totale.

Dignità per il quartiere

Così come abbandonati si sentono i residenti che in una lettera a firma di Franco Napoli, dirigente del circolo cittadino di Fratelli d'Italia, oltre ad elencare i problemi esistenti, invitano sindaco ed assessori ad effettuare di persona un sopralluogo così da verificare l'effettiva situazione in cui sono costretti a vivere. "Risolvere i problemi elencati - si legge nella missiva - sarebbe come ridare una dignità e vivibilità al nostro quartiere"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento