Fratelli d'Italia, è caccia alla talpa

La fuga di notizie dalla riunione del direttivo ha scatenato l'ira degli esponenti del partito. Si cerca di capire chi possa essere il "traditore"

C'è una talpa all'interno del direttivo provinciale di Fratelli d'Italia di Frosinone? A quanto pare sì. Le informazioni dettagliate trapelate  qualche giorno fa sulla riunione che si è svolta all'interno della sede di Viale Europa, e riportate da alcune testate giornalistiche, non lasciano spazio a dubbi. Ed ormai è caccia al presunto traditore o traditrice che avrebbe agito con l' intento di provocare una spaccatura all'interno del direttivo, mostrando all'esterno l'immagine di un partito che, a dispetto di quanto si voglia far pensare con i numerosi ingressi di big della politica, presenta in realtà diversi problemi interni. Ma per colpire chi? Il senatore Massimo Ruspandini, il coordinatore provinciale Paolo Pulciani o gli ultimi arrivati, ma molto noti, Antonello Iannarilli, Alessia Savo ed Alfredo Pallone?

Troppi dettagli

Nel resoconto dell'assemblea riportato dalla stampa, stilato a mo' di verbale per la minuzia di particolari, vengono affrontati punto per punto gli argomenti trattati durante la riunione. Dalla richiesta di espulsione dal gruppo provinciale di Fdi del consigliere di Anagni Riccardo Ambrosetti formulata nei confronti del consigliere Gianluigi Ferretti, all'attacco sferrato da Ruspandini nei confronti di alcune testate giornalistiche che per il trattamento riservatogli dopo la caduta del sindaco di Ceccano, Roberto Caligiore, riportando quasi fedelmente le parole pronunciate dai presenti. 

Le reazioni

Inevitabili le reazioni d'ira e sdegno nei confronti della "talpa" e del gesto. Giuseppe Vittigli, coordinatore cittadino di FdI, ha così commentato: "Costui o costei si deve vergognare sia per quanto fatto sia per quanto riferito, che spesso, non corrisponde neanche alla realtà. Il nostro mondo è comunitario e tradizionalista ed in un mondo come il nostro le spie e gli infami sono consideratI il peggior nemico". 

Alessia Savo, dirigente provinciale: "Credo che sia davvero spiacevole sapere che in una riunione di direttivo in cui si decidono programmi e strategie, ci sia qualcuno che, senza chiedere permesso, sia lì per portare all’esterno parole senza rendersi conto del danno conseguente! Però una cosa la dico: la verità è che la riunione è stata molto bella e costruttiva, c’è stato un direttivo pronto a parlare delle problematiche del territorio e dei sentimenti politici di ognuno, senza polemica e con onestà intellettuale. Questo non accade ovunque! Quindi dico : Fratelli d’Italia potrebbe fare anche il direttivo in streaming, perché non ha nulla da nascondere ma può essere di esempio".

David Boni, dirigente cittadino di Frosinone: "Penso che sia stato violato il diritto dei presenti di poter scutere in tranquillità di questioni interne al partito e fa rabbia sapere che a farlo sia stato qualcuno che ha finto e continua a fingere di avere i nostri stessi ideali e valori; qualcuno che continuiamo a considerare un amico ed un fratello o sorella. Mi auguro che venga smascherato e che vengano presi provvedimenti nei suoi confronti".

Si continua con gli ingressi

La vicenda non sembra aver avuto ripercussioni sugli ingressi nel partito. È di ieri la notizia dell'adesione dell'ex coordinatrice dei Giovani di Forza Italia, Martina Raponi, e si fanno sempre più insistenti le voci dell'imminente ingresso della consigliera comunale di Frosinone, Thaira Mangiapelo, anch'ella fresca di uscita dagli azzurri, che riporterebbe il simbolo di FdI in Consiglio comunale dopo il distacco dal partito, a livello locale, di del consigliere Marco Ferrara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto. Dopo la paura ecco le ordinanze di chiusura delle scuole

  • Operazione “Gli Intoccabili”, arrestate altre cinque persone

  • Colleferro, operaio morto nella discarica: indagato l'autista del compattatore

  • Colleferro, operaio muore all'interno della discarica di Colle Fagiolara

  • Omicidio Mollicone, la famiglia Mottola rompe il silenzio: "Innocenti, possiamo dimostrarlo"

  • Piglio-Anagni, rifiuti e mazzette. Gare vinte grazie a soldi ed auto a noleggio al tecnico comunale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento