Delusione per l'incontro tra Ottaviani e la Rete degli studenti medi, Riggi chiede rispetto

"Un'opportunità di confronto per i ragazzi si è trasformata in un monologo infarcito di stereotipi e luoghi comuni sui giovani di sinistra"

Daniele Riggi

È di qualche giorno fa l'incontro avvenuto tra il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani e i ragazzi della Rete degli Studenti Medi di Frosinone, organizzazione di rappresentanza studentesca. Un meeting che avrebbe dovuto dare l'opportunità ai giovani di avanzare delle richieste su diverse problematiche che riguardano i giovani della città capoluogo, in particolare trasporti, mobilità, aggregazione e soprattutto diritto allo studio. "Richieste, tra l'altro, condivise da ben 880 giovani studenti che hanno firmato la petizione della Rete, a cui ho aderito con convinzione anche io" commenta il consigliere Daniele Riggi nel riproporre l'esito dell'appuntamento.

La delusione

"L’incontro con il sindaco Ottaviani, nato con il proposito di essere un dialogo costruttivo, si è trasformato in un monologo infarcito di stereotipi e luoghi comuni sui giovani di sinistra. Che delusione! Eppure gli studenti della Rete, che di certo non sono dei decerebrati o dei pericolosi estremisti invasati, hanno portato sul tavolo dell'Amministrazione richieste serie e concrete, che derivano dalle lamentele e dalle necessità che riscontrano ogni giorno confrontandosi con i loro giovani coetanei. Non solo come consigliere comunale ma anche come cittadino frusinate, mi sento di esprimere sdegno e delusione di fronte a un simile episodio.

Ironia sulle richieste

Ci siamo sempre lamentati dello scarso protagonismo dei giovani a Frosinone, adesso che finalmente si stanno organizzando per partecipare attivamente alla vita politica della città, fatto inedito nella storia recente di Frosinone, trovano davanti a loro delle istituzioni che non rispondono nel merito ma si limitano a fare facile ironia e a deridere le loro richieste. Tutto ciò accade in una città che è tra i 50 comuni italiani con la più alta percentuale di giovani che fuggono altrove.

Mancanza di dialogo

Più di un anno fa ho raccolto la sfida del sindaco Ottaviani di condurre un'opposizione costruttiva e propositiva sui temi amministrativi che riguardano la città, l'ho dimostrato collaborando con l'assessorato alle politiche giovanili per realizzare prima il Consiglio dei Giovani e successivamente il Forum dei Giovani, che è stato approvato durante l'ultimo consiglio comunale. Tutto questo lavoro, però, rischia di essere inutile se poi l'amministrazione non è in grado di interloquire concretamente e utilmente con la popolazione giovanile della città.

L'impegno

Mi auguro - conclude Riggi - che simili episodi non si ripetano più, se l'Amministrazione non vuole aprirsi al dialogo con i giovani io resterò, comunque, sempre disponibile ad ascoltare le loro richieste e a farmi portavoce in consiglio comunale delle loro istanze, così come è accaduto già altre volte in passato, perché credo che tutti i cittadini abbiano il diritto di essere ascoltati e rappresentati con pari dignità. Cari ragazzi non vi arrendete e continuate a far valere le vostre richieste con la stessa passione di sempre, perché il vostro lavoro di rappresentanza, il vostro impegno civile contribuiscono alla crescita del confronto democratico nella nostra città".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Frosinone-Atalanta 0-5, le pagelle: Pinamonti predica nel deserto. Disastro totale

  • Sport

    Frosinone-Atalanta 0-5, nerazzurri troppo forti

  • Cronaca

    Quattordicenne morto cadendo dal lucernario del suo palazzo, il giudice riapre le indagini

  • Cronaca

    Cassino, coinvolta in un incidente stradale, muore dopo quattro anni di coma

I più letti della settimana

  • Cassino, coniugi presi a martellate: l'arrestato è Alberto Di Cicco (le immagini del luogo dell'aggressione)

  • Cassino, dramma della follia: marito e moglie presi a martellate. Ricoverati con fratture al cranio ed al volto

  • Anagni, il marito imprenditore la costringeva a lavorare nel suo cantiere come manovale

  • Cassino, anziani presi a martellate, parla il figlio: "Vittime di una violenza che lascia senza fiato"

  • Cassino, impiegato comunale stroncato da un malore

  • Anziani presi a martellate, Alberto Di Cicco racconta la sua verità: "Ho prestato 4000 euro al figlio"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento