Moschea, interviene il Circolo Pd: "Utilizzata come arma di distrazione di massa"

"Il dibattito odierno sul centro culturale islamico a Frosinone è figlio della mancanza di programmazione urbanistica dell’amministrazione Ottaviani"

Andrea Palladino

Il dibattito infuocato sulla costruzione della moschea in viale America Latina continua ad essere alimentato. Al fronte del No che in questi giorni ha dato vita ad una raccolta firme per impedirne la realizzazione, si è contrapposto quello del circolo Pd di Frosinone che, nell'esprimere il propio pensiero sull'argomento, non manca di puntare il dito contro il sindaco Ottaviani e la maggioranza. 

Garantire il dialogo

"Il direttivo cittadino - si legge in una nota - considera irrinunciabile una politica inclusiva, aperta, tollerante, nel riaffermare i principi della Costituzione Italiana. Denuncia le manifestazioni di razzismo e di populismo che sono state recentemente espresse da rappresentanze istituzionali del territorio, che inducono con le loro minacce all’odio e le loro bugie alla discriminazione etnica e religiosa. Consideriamo importante garantire un dialogo nel rispetto della libertà di culto sancita dai dettami costituzionali.

L'affondo

Il dibattito odierno sul centro culturale islamico a Frosinone è figlio della mancanza di programmazione urbanistica dell’amministrazione Ottaviani, che riapre la discussione sulla sostenibilità delle trasformazioni del territorio cittadino. Rileviamo come il Sindaco e l’amministrazione comunale di Frosinone esprimano ancora una volta tutta la loro incapacità amministrativa e di governo del territorio, lasciando l’intera città nel più totale abbandono. Si continua in una gestione raffazzonata, con un bilancio finanziario che aumenta le tasse e taglia i servizi alla cittadinanza, mentre si utilizza l’arma della distrazione di massa dell’argomento “moschea” per spegnere le luci sul deficit milionario, sui problemi dell’inquinamento, della viabilità, del lavoro, che non consentono alcuna prospettiva di sviluppo per la città capoluogo. Denunciamo i subdoli tentativi del Sindaco di nascondere il proprio fallimento, con una maggioranza divisa, incapace di dialogare con la città, con le associazioni, con le rappresentanze istituzionali, con i cittadini. Riteniamo inaccettabili questi metodi, che penalizzano il ruolo dei consiglieri comunali e vanificano ogni tentativo di costruire una città moderna. Consideriamo essenziale il ruolo dei consiglieri comunali, che in questo momento critico della politica cittadina, svolgono un’azione di opposizione seria e costruttiva.

Il Direttivo del Circolo Pd di Frosinone si impegna a mettere in atto tutte le iniziative per denunciare puntualmente i fallimenti di Nicola Ottaviani e per costruire un’alternativa. Rivolgiamo ai cittadini che abitano nella zona interessata al dibattito politico di questi giorni la rassicurazione che agiremo forti per far rispettare la legalità. Su tutto ciò, nell’interesse e nella tutela dei bisogni dei cittadini e dei diritti di tutti si vigilerà sul rispetto delle regole, dei principi etici, e sulla correttezza dell’azione amministrativa".

Potrebbe interessarti

  • Minacce alla moglie, noto medico verolano sospeso dalla Asl di Frosinone

  • Il ricordo di Nadia Toffa: quella volta che parlò dei tumori della Valle del Sacco

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Cassino, ecco le zone dove lunedì 19 e martedì 20 mancherà l'acqua

I più letti della settimana

  • Sora-Arpino, notte di sangue. Auto contro un muretto muore la giovane Stella Tatangelo (foto)

  • Sora, l'ultimo straziante saluto a Stella tra gli amici e le rose bianche (video)

  • Cassino-Formia, con l'auto sullo spartitraffico. Grave una ragazza di 24 anni

  • Trovato morto in un lago di sangue dall'anziana mamma

  • Sora sotto choc per la tragedia di Arpino. Lutto cittadino nel giorno dei funerali di Stella Tatangelo

  • Anagni-Colleferro, pullman a fuoco. Chiusa l'autostrada A1 in direzione Roma per oltre due ore

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento