Emergenza ambientale, la Provincia fa sul serio

Approvato all'unanimità il punto all'odg sulla questione della Valle del Sacco. Via libera anche per la richiesta alla Regione Lazio sull’istituzione del Registro dei tumori

L'emergenza ambientale della Valle del Sacco approda in Consiglio provinciale con l'approvazione unanime di un importante punto posto all'ordine del giorno e presentato dal gruppo consiliare di Forza Italia.

Provincia presente

"Di fronte ad una vera e propria emergenza, la Provincia ha risposto presente" ha commentato il presidente Pompeo al margine della seduta aggiungendo "Anche oggi in audizione in Commissione Agricoltura e Ambiente del Consiglio Regionale del Lazio, abbiamo richiesto uno sforzo congiunto da parte di tutte le istituzioni contro il ripetersi degli episodi di inquinamento, una stretta sui controlli e, soprattutto, un intervento normativo che semplifichi e razionalizzi l’azione amministrativa degli enti locali sulla salvaguardia ambientale. Continueremo a fare azione di pressione sulle Istituzioni, a partire dal Ministero dell’Ambiente: occorre che ci sia una presa di coscienza del problema da parte di tutti e che si intervenga di conseguenza”. 

Nel dettaglio

"Desidero ringraziare l'intero Consiglio provinciale di Frosinone, - ha dichiarato il consigliere di Forza Italia, Danilo Magliocchetti - per aver approvato all'unanimità l'ordine del giorno che impegna l'Ente a: 1) aprire una vertenza nazionale sulla criticità ambientale del territorio; 2) richiedere una indagine epidemiologica sui cittadini interessati; 3) richiedere l’attivazione del Registro dei Tumori per la provincia di Frosinone".

Voce unanime

"La discussione sull'ordine del giorno è stato un momento di confronto estremamente importante e costruttivo, laddove il Consiglio ha manifestato grande maturità, sensibilità ed attenzione al problema, oltre all'esigenza di far arrivare alle autorità nazionali, finalmente, una voce unanime del territorio, in relazione alle criticità ambientali che da anni gravano sulla provincia di Frosinone. Le vicende della valle del Sacco, del fiume Sacco, testimoniano in maniera chiara ed evidente, che i problemi sono assolutamente lontani dall'essere stati risolti e che, pur apprezzando l'impegno profuso da tutti a livello locale, è indispensabile alzare ora l'asticella dell'attenzione, se si vuole ottenere qualche risultato, in primis in termini di bonifiche.

Il Registro Tumori

Allo stesso modo, è emersa la necessità di capire finalmente, in maniera chiara ed inequivocabile, se esiste una correlazione oggettiva, tra elevati livelli di inquinamento del territorio e l'insorgere di determinate patologie tumorali. Da qui la duplice richiesta dell'indagine epidemiologica, la più estesa possibile e l'attivazione del registro dei Tumori in provincia di Frosinone. Uno strumento indispensabile per il contrasto e studio delle neoplasie, del quale si parla da troppo tempo, ma senza ancora averlo compiutamente realizzato. Un ringraziamento particolare al Presidente Pompeo che su queste tematiche ha dimostrato grande sensibilità e condivisione senza alcun retropensiero". 

Potrebbe interessarti

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Ha pedalato per 19 ore di seguito lungo i tornanti di Montecassino, è record

  • Cassino, Di Mambro e D'Alessandro all'attacco contro Salera: meno spot, più correttezza

  • Klopman vince il premio "Impresa sostenibile 2019"

I più letti della settimana

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Cassino-Sant’Andrea, presa la banda di spacciatori di eroina. Tra gli arrestati lo Spagnolo ed Attila

  • Valmontone, 42enne del posto trovata morta nel giardino di casa

  • Ferentino, Elisa Ciotti uccisa a martellate dal marito aveva origini ciociare

  • Roccasecca, tre vigili urbani non vanno in processione: condannati a sei mesi di carcere

  • Fiuggi, scende dall'aereo a Fiumicino e trova i carabinieri; arrestato 18enne

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento