Polizia provinciale, approvata la Convenzione per il controllo ittico-venatorio

Il presidente Pompeo: "Si riassegna alle Province un compito sempre svolto con capacità e professionalità e si riapre la discussione con le Regione Lazio sulle funzioni delegate"

Approvata dal Consiglio provinciale la Convenzione con la Regione Lazio per l’assegnazione alla Polizia provinciale dei compiti di controllo ittico venatorio e in campo agricolo. Una decisione importante, che accoglie una richiesta in tale senso che l’Amministrazione Pompeo aveva formulato alla Regione nei mesi scorsi e valorizza la professionalità degli agenti in servizio a Palazzo Gramsci.

“Il 2019 sarà un anno importante per le Province – ha spiegato il Presidente  Antonio Pompeo – può essere decisivo per riaffermare il ruolo a difesa dei territori che in questi anni abbiamo dimostrato di meritare. Martedì si svolgerà l’importante appuntamento con l’Assemblea dell’Upi nel quale rinnoveremo gli organi di rappresentanza, così da dare più forza al confronto con il Parlamento e il Governo. Per quanto riguarda la nostra Provincia ribadisco la soddisfazione per l’approvazione del Piano di manutenzione straordinaria delle strade da parte del Ministero dei Trasporti. Sono 17 milioni di euro, ai quali si aggiungono gli altri 6 milioni della legge di bilancio. Risorse importanti per recuperare i tagli degli anni scorsi e rendere la nostra rete viaria più sicura ed efficiente. Stiamo avviando la programmazione per definire le priorità, ascoltando il territorio, in particolare gli amministratori locali, così da mettere in campo interventi in base alle reali necessità”.

“Abbiamo approvato - conclude Pompeo - la Convenzione per il controllo ittico-venatorio che, da una parte, riassegna alle Province un compito sempre svolto con capacità e professionalità e dall’altra riapre la discussione con le Regione Lazio sulle funzioni delegate. Siamo pronti ad aprire un tavolo di confronto perché le Province del Lazio sono disponibili a riprendersi deleghe, a patto che vengano chiarite competenze e risorse. Soprattutto su determinate materie occorre che non ci sia confusione su chi deve fare cosa, e mi riferisco in particolare all’ambiente.  Anche questo sarà un tema che affronteremo con l’Upi regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento