Regione, atti aziendali Bissoni in commissione salute lazio

Il sub commissario per il piano di rientro ascoltato sulle linee guida impartite alle aziende sanitarie. Nei prossimi giorni si apre ciclo di audizioni alla Pisana con i direttori generali Asl

1-8

Il sub commissario per il piano di rientro ascoltato sulle linee guida impartite alle aziende sanitarie. Nei prossimi giorni si apre ciclo di audizioni alla Pisana con i direttori generali Asl

Con l'audizione stamattina del sub commissario per l'attuazione del piano di rientro, Giovanni Bissoni, si è aperto il ciclo di sedute sugli atti aziendali delle aziende sanitarie e ospedaliere del Lazio che vedrà impegnata nei prossimi giorni la commissione Politiche sociali e salute del Consiglio regionale presieduta da Rodolfo Lena (Pd). Bissoni ha illustrato le linee guida seguite nella predisposizione degli atti di autonomia aziendale e risposto alle domande dei consiglieri regionali. "Si tratta di un'audizione propedeutica all'esame degli atti aziendali", ha detto Lena. In programma, da martedì, le audizioni dei direttori generali o commissari di varie Asl, tra cui: Rm/B, Rm/D, Rm/E, Rm/F, Rm/H, Latina, Rieti, Viterbo e Ares 118. Il patto per la salute 2014-2016, ha ricordato Bissoni, comporta che i nuovi piani di rientro non abbiano solo obiettivi finanziari, ma anche attenzione al rispetto dei livelli essenziali di assistenza. Una ridefinizione della governance è poi il bisogno che accomuna tutte le regioni sottoposte a piani di rientro. "Stiamo cercando di tradurre questo obiettivo in un'affermazione molto secca: 'più Regione, più aziende'", ha detto. La Regione abbandonerà funzioni che non sono più centrali, introdurrà semplificazioni e ricorrerà a una programmazione e un monitoraggio rigorosi. In questo quadro sarà riconosciuta l'autonomia delle aziende, ma nell'ambito degli indirizzi regionali. Gli atti aziendali rappresentano come un'azienda si organizza e sta nel sistema regionale. Oltre agli atti che sono già stati "licenziati" e posti all'attenzione della Pisana, altri sono sotto la lente della commissione tecnica regionale, mentre per quelli delle aziende universitarie è necessaria prima la firma di un protocollo di intesa tra atenei e Regione, che - secondo Bissoni - c'è l'impegno a chiudere entro marzo. Fino alla conclusione dell'iter di adozione degli atti aziendali non sarà consentita la rideterminazione della dotazione organica (stabilizzazioni e assunzioni incluse). Numerosi gli interventi dei consiglieri. Tra le richieste ricorrenti quella espressa per primo daGianfranco Zambelli (Pd) e cioè di conoscere, più che i singoli atti aziendali, come la commissione tecnica ha lavorato. A questo proposito Giancarlo Righini (Fratelli d'Italia) ha domandato che fossero accompagnati dal parere istruttorio. Teresa Petrangolini (Pd) ha chiesto chiarimenti su distretti, informazione e partecipazione dei cittadini. Fabio De Lillo (Ncd) ha auspicato che la commissione Politiche sociali e salute sia finalmente messa in condizione di dare un suo contributo. Legalità e trasparenza sono invece stati alcuni dei punti toccati dall'intervento di Davide Barillari, che ha annunciato l'avvio di tavoli provinciali del M5s per un esame "dal basso" degli atti aziendali. Antonello Aurigemma (Forza Italia) ha domandato che la commissione sia messa a conoscenza anche dei piani strategici. Tre i temi toccati da Marta Bonafoni (Sel): uscita dalle esternalizzazioni, rispetto della legge sull'interruzione volontaria di gravidanza e salute dei migranti. Pietro Sbardella (Gruppo misto), di fronte al processo di unione delle Asl Rm/E e Rm/A, ha ricordato che gli accorpamenti si dovrebbero fare per legge regionale. Fabrizio Santori (Gruppo misto) ha chiesto chiarimenti sul ruolo di Agenas, di cui è stato presidente Bissoni, su nomine e valutazioni dei direttori generali. E' stato infine Marco Vincenzi (Pd) a definire utile l'audizione e a ricordare la riduzione del disanvanzo, ora più che dimezzato. SUPPORTO ALLE IMPRESE AGRICOLE IN MERITO AL REGOLAMENTO UE SULL'ETICHETTATURA DEI PRODOTTI Dopo che dallo scorso dicembre è entrato in vigore il Reg. UE n. 1169/2011 relativo all'etichettatura dei prodotti alimentari o, più precisamente, all'informazione che deve o può accompagnare i prodotti alimentari commercializzati sia preimballati che sfusi, è stato attivato dalla Regione Lazio un servizio di supporto tecnico-normativo gratuito per le nostre imprese. Per la nuova normativa Ue, informeremo le imprese agricole e agroalimentari del territorio regionale che potranno disporre di materiale informativo, avanzare quesiti mediante email e richiedere incontri diretti". Lo dichiara in una nota il Consigliere regionale e Presidente della Commissione Bilancio Mauro Buschini. "Il provvedimento - ha spiegato Buschini - introduce notevoli innovazioni in materia, prevedendo sia adeguamenti obbligatori, che la possibilità di rendere pubbliche informazioni aggiuntive su base volontaria. Il nostro vuole essere, attraverso l'Arsial, un contributo operativo affinché tutti gli addetti al settore possano districarsi meglio negli ambiti introdotti dal nuovo regolamento ed evitare così di incorrere in sanzioni. Essere vicini alle imprese è una priorità per l'amministrazione regionale guidata dal Presidente Nicola Zingaretti. Questi i riferimenti cui chiedere informazioni in merito: Tel: 06/8627346106/86273462 Fax:06/86273270 email: etichettatura@arsial.it".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento