Regione, Buschini: “Con il primo bando del nuovo Psr 60 milioni ai Gal del Lazio”

“Con la presentazione del primo bando del nuovo Psr, avvenuta oggi alla presenza del Presidente Zingaretti e dell’assessore al ramo Ricci, si stanziano 60 milioni di euro per i Gruppi di Azione Locale (Gal). Il lavoro politico e amministrativo del...

“Con la presentazione del primo bando del nuovo Psr, avvenuta oggi alla presenza del Presidente Zingaretti e dell’assessore al ramo Ricci, si stanziano 60 milioni di euro per i Gruppi di Azione Locale (Gal). Il lavoro politico e amministrativo del governo di centrosinistra, non solo ha permesso di spendere e investire nei territori tutti i fondi della vecchia programmazione, ma anche di far divenire il Lazio una delle prime regioni in Italia a promuovere bandi della nuova programmazione europea. Un risultato importante per una Regione che prima del nostro insediamento si classificava ultima in Italia per capacità di spesa di risorse provenienti da Bruxelles”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Mauro Buschini

“Partiamo – ha spiegato Buschini - con un primo bando da 60 milioni, soldi che forniscono nuova linfa ai comuni: i Gal potranno sviluppare progetti che contribuiranno alla crescita economica e occupazionale del nostro territorio sostenendo settori come il turismo e la promozione delle nostre bellezze e fornendo, altresì, risposte ai residenti con il miglioramento dei servizi essenziali e la riqualificazione dei centri storici di molti paesi”.

SANITA’, SIMEONE (FI): “EMERGENZA E BATTERIO KILLER AL REPARTO DI UROLOGIA DEL GORETTI DI LATINA NEL DISINTERESSE DI ZINGARETTI”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non esistono più parole per definire lo stato in cui si trova la sanità nella provincia di Latina. Ultima, ma solo in ordine di tempo, la situazione in cui versa il reparto di urologia dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Il reparto è stato accorpato a quello di chirurgia da oltre un anno. Negli ultimi mesi è stato al centro delle cronache per la diffusione del batterio clostridium che sta mettendo in pericolo la vita di alcuni pazienti. Un batterio che richiede una profilassi e degli accorgimenti sul piano della prevenzione estremamente accurati ma che sono difficili da attuare a causa della situazione complessiva in cui l’ospedale, il principale nella provincia di Latina, versa da tempo. Basti pensare che, ad oggi, nel reparto di urologia ci sono almeno due nuovi pazienti su cui si stanno effettuando le analisi di rito per il sospetto contagio da clostridium e che, nonostante questo allarme, il personale medico ed infermieristico non ha gli strumenti per potersi tutelare. Le misure di prevenzione prevedono, tra gli altri accorgimenti per scongiurare il contagio, che sia utilizzato dopo ogni visita uno specifico disinfettante di cui il reparto è stato sprovvisto sino a questa mattina. A peggiorare il quadro già difficile il fatto che nel reparto di urologia, che dovrebbe ospitare 12 pazienti, oggi ne sono collocati ben 22 con soli due infermieri per ogni turno. Alcuni pazienti sono stati sistemati su letti che mancano delle attrezzature come l’ossigeno e il campanello per chiamare il personale. Inoltre il sovraffollamento del Pronto soccorso, e la promiscuità dei posti tra pazienti gravi e meno gravi, stipati a volte in reparti diversi da quelli in cui dovrebbero essere ricoverati, si è trasformato in un ponte per la diffusione di germi e batteri. Di fronte a questa situazione il personale medico ed infermieristico è allo stremo. I pazienti sono esasperati. L’assistenza è diventata una vera e propria parabola garantita, sul piano dell’efficienza, solo dalla buona volontà e dalla dedizione degli addetti. Una emergenza che sfocia nell’emergenza e che sta mettendo il Goretti di Latina letteralmente in ginocchio. Una situazione impietosa che continua ad essere ignorata dalla Regione Lazio e dal presidente Zingaretti e su cui stiamo predisponendo una interrogazione urgente per avere risposte chiare. E’ inaccettabile che il luogo deputato a curare i cittadini sia diventato quello in cui la loro vita, e quella del personale addetto, viene messa a rischio. Servono interventi mirati e seri. Zingaretti non può continuare a sottrarsi alle sue responsabilità limitandosi a collezionare le bocciature, non ultima quella scaturita dal rapporto “Crea Sanità” dell’Università Tor Vergata di Roma, e pubblicati su Il Sole24Ore, che ha misurato le performance dei servizi sanitari regionali collocando il Lazio nella parte bassa della classifica, tra le regioni che arrancano tra mille criticità. Amministrare impone responsabilità e Zingaretti, ancora una volta, non sta né amministrando né assumendosi le responsabilità per un settore come quello sanitario completamente allo sbando”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento