Regione, Buschini incontra commissari parchi del lazio, confronto sereno

Si è svolto oggi il primo incontro programmatico tra l’Assessore ai Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti Mauro Buschini e i Commissari dei Parchi del Lazio presso gli uffici regionali.

Si è svolto oggi il primo incontro programmatico tra l’Assessore ai Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti Mauro Buschini e i Commissari dei Parchi del Lazio presso gli uffici regionali.

“Un incontro costruttivo – ha spiegato l’Assessore Buschini – utile a comprendere le reali esigenze dei commissari che conoscono approfonditamente le realtà di queste bellezze naturali del Lazio. I punti affrontati sono stati diversi: dall’accelerazione dell’approvazione dei Piani di Assetto, alle problematiche relative alla distribuzione del personale sino alle occasioni da cogliere provenienti dai fondi della nuova programmazione comunitaria. Un confronto sereno, un percorso che condivideremo per valorizzare al meglio queste realtà”. “La scorsa settimana – ha continuato Buschini - mi sono recato in visita al Parco dell’Appia Antica e alla riserva naturale Nazzano Tevere Farfa e la mia intenzione è quella di visitare, entro breve, tutti i parchi regionali del Lazio. Un tour necessario per studiare, di concerto con i tecnici e i commissari, interventi tesi allo sviluppo delle aree in un percorso comune incentrato sulla tutela ambientale. E' fondamentale valorizzare la capacità attrattiva rendendo la rete dei Parchi un volano per l’economia laziale, mettendo a sistema le diverse realtà in modo da rilanciare l'azione di questi enti chiamati alla tutela ed alla promozione del patrimonio ambientale. Vogliamo dimostrare con i fatti la nostra attenzione al sistema parchi: con un lavoro di squadra possiamo tramutare l’impegno in risultati concreti per queste meraviglie del nostro territorio”.

CARCERI, BONAFONI (SI – SEL): “SU INCLUSIONE E REINSERIMENTO CENTRALE LAVORO GARANTE”

“Lavoro, agricoltura sociale, sport, formazione, editoria e salute. Sono questi gli assi principali di intervento che la Regione Lazio può mettere in campo per migliorare le condizioni di vita delle persone detenute e restituire al carcere la sua funzione riabilitativa. Azioni concrete che possono contribuire a creare un ponte tra il dentro e il fuori, cioè tra gli operatori e le istituzioni, dando voce a chi nel carcere vive tutti i giorni. Quelle sopra enunciate sono linee di intervento che guardano non solo ai numeri ma anche alla qualità della realtà carceraria, e che vanno ad affrontare i grandi temi quali il diritto alla salute dei detenuti, la condizione delle donne in carcere, la maternità dietro le sbarre, i minori reclusi, per i quali più che mai dovrebbe valere un approccio sociale forte rispetto a quello repressivo e la fortissima presenza di stranieri. A tal proposito diventa sempre più centrale e improcrastinabile la nomina del Garante dei detenuti del Lazio. Una figura che, dopo la designazione del Garante nazionale, diventa sempre più necessaria per rimettere in piedi una struttura complessiva che abbia deleghe importanti e possa intervenire direttamente all'interno del sistema carcerario. La condizione in cui versano le carceri oggi è una questione di civiltà e serve a misurare il grado di salute democratica del nostro Paese e della nostra Regione”.E’ quanto afferma la consigliera regionale di Si – Sel, Marta Bonafoni, intervenuta al convegno 'Garantire la giustizia giusta pena e giusto reinserimento', nella sede del Consiglio regionale del Lazio.

LAZIO. COMMISSIONE BILANCIO: mitolo ELETTO VICEPRESIDENTE

Daniele Mitolo (Pd) è stato eletto con 7 voti vicepresidente della IV commissione consiliare permanente, Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico-finanziaria, presieduta da Marco Vincenzi (Pd). Due le schede bianche. Un voto è andato a Francesco Storace (La Destra). L’altro vicepresidente della IV commissione è Pietro di Paolantonio

SANITA’, SIMEONE (FI): “OSPEDALI PONTINI ALLA CANNA DEL GAS, CONTRO ZINGARETTI ANCHE LE ROCCAFORTI DEL PD”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E alla fine anche gli esponenti del Pd si rivoltano contro le promesse da marinaio di Zingaretti. Ultimi, ma solo in ordine di tempo, a chiedere concretezza al presidente della Regione Lazio sono gli esponenti del circolo “Piancastelli” di Formia, gli irriducibili falce, martello e stella, costretti evidentemente a prendere atto del fatto che dopo tre anni l’operato di Zingaretti non sia più difendibile. Questo a dimostrazione che le nostre parole non erano dettate da prese di posizione politica ma dalla constatazione della realtà. Quella che trova voce nella disperazione dei nostri cittadini che continuano a scontrarsi con servizi carenti, costi lievitati e assistenza al lumicino. A chiedere interventi seri per l’ospedale Dono Svizzero di Formia, oggi sono gli stessi che, a maggio 2015, dieci mesi fa, quando venne pubblicata l’autorizzazione all’assunzione in deroga al blocco del turnover di tre cardiologi contestarono le nostre considerazioni. Definirono “il solito allarmismo” le nostre osservazioni che miravano ad evidenziare come tale provvedimento fosse una goccia nel mare rispetto alle effettive esigenze degli ospedali pontini e che le criticità di cardiologia ed emodinamica a Formia si sarebbero solo acuite. Per di più mandare due unità per cardiologia e non sostituire quelle andate in pensione non risolveva nulla. E il risultato è che oggi le rassicurazioni di Zingaretti sul potenziamento dell’ospedale di Formia sono rimaste carta straccia tanto che il servizio di emodinamica non è ancora operativo h24, ma funziona solo dalle 8 alle 15 dal lunedì al venerdì. Altri reparti fondamentali, come la rianimazione sono ormai al collasso per assenza di anestesisti, e il servizio di emergenza urgenza a cui il Dono Svizzero di Formia è deputato non viene garantito per mancanza di personale. E queste falle sono diventate voragini non solo a Formia ma anche al Fiorini di Terracina, che assorbe in parte il depotenziamento del San Giovanni di Dio di Fondi, che non ha personale sufficiente per coprire le richieste di entrambi i nosocomi e le esigenze dei reparti. Il San Giovanni di Dio di Fondi è diventato la caricatura di se stesso grazie al mancato potenziamento dei servizi di emergenza urgenza e del Pronto Soccorso, al mancato aumento dei posti letto del reparto neonatale, alla assenza dei servizi di supporto per l’ostetricia e la ginecologia. Per l’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, che dovrebbe diventare Dea di II livello, continuano ad essere insufficienti gli anestesisti con ripercussioni sulla regolarità dell’attività operatoria. In questo quadro desolante, di cui abbiamo citato solo alcuni esempi, si aggiunge la mancanza degli strumenti fondamentali per svolgere l’assistenza tanto che i dipendenti del Goretti di Latina sono stati costretti a comprare i guanti monouso al supermercato. In questi tre anni Latina e la sua provincia hanno dimenticato anche il volto del presidente della Regione Lazio con l’unica certezza che in vista delle imminenti elezioni amministrative si rivelerà di nuovo, in tutto il suo splendore, e con nuove promesse da marinaio. Lo attendiamo anche noi nella speranza che saltando da una conferenza stampa all’altra abbia il tempo di fare un giro tra le macerie in cui lui stesso ha trasformato le nostre eccellenze. Di una cosa Zingaretti può essere certo, le emergenze della sanità pontina non si risolveranno da sole o continuando ad ignorarle. Serve una pianificazione seria e concreta. Le chiacchiere stanno a zero”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento