Regione, Fabiani, per Unioncamere 5.700 imprese in più nel lazio nel 1° semestre dell’anno oltre il 22% dell’incremento nazionale

“Dati significativi dal mondo delle imprese: complessivamente nel primo semestre di quest’anno il saldo positivo tra aperture e cessazioni di attività è di oltre 25mila unità a livello nazionale; un periodo nel quale il Lazio ha fatto registrare...

“Dati significativi dal mondo delle imprese: complessivamente nel primo semestre di quest’anno il saldo positivo tra aperture e cessazioni di attività è di oltre 25mila unità a livello nazionale; un periodo nel quale il Lazio ha fatto registrare un aumento di 5.730 del numero complessivo delle imprese presenti sul suo territorio, ossia il 22,55% dell’aumento totale.” Lo ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani commentando i dati dello studio Unioncamere-InfoCamere sull’evoluzione del numero delle imprese nel 2° semestre 2016, pubblicati nei giorni scorsi.

“Globalmente nei primi sei mesi dell’anno – ha continuato Fabiani – nel Lazio il numero di imprese fa registrare un saldo positivo che è più del doppio di quello nazionale, +0,90% a fronte del +0,42%. In questo periodo la nostra Regione, è la prima in Italia sia per tasso di crescita percentuale delle imprese sia per saldo positivo territoriale in termini assoluti.”

“È un segno, credo – ha poi concluso Fabiani – di una certa fiducia nella ripartenza dell’economia del Lazio. Uno stato di fatto a cui a mio parere hanno contribuito le politiche regionali in materia economica volte a rilanciare il credito alle imprese, sostenere l’innovazione e a spingere con forza il nascere di un forte processo di reindustrializzazione e internazionalizzazione del tessuto produttivo”.

REGIONE: ZINGARETTI, ‘PER DATI UNIONCAMERE LAZIO LEADER ITALIA PER CRESCITA E SVILUPPO

CRESCITA SEMESTRALE IMPRESE ALLO 0,90% (ITALIA 0,42%). NEL LAZIO SONO 639.558

“I dati diffusi da Unioncamere dimostrano che nel 2016 la nostra regione si sta confermando leader in Italia per crescita e sviluppo. In base ai dati disponibili sul 2016 (primo e secondo trimestre), il Lazio nel primo semestre è la prima regione in Italia sia per tasso di crescita delle imprese sia per saldo tra iscrizioni e cessazioni in termini assoluti”. Con queste parole il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti commenta i dati Unioncamere sulla nati-mortalità delle imprese nel secondo trimestre 2016. Nei primi 6 mesi del 2016 sono state 22.869 le iscrizioni e 17.139 le cessazioni, il saldo positivo è quindi di 5.730 unità per un tasso di crescita semestrale dello 0,90% (cfr. Italia +0,42%). Lo stock delle imprese laziali raggiunge le 639.558 unità, un valore pari al 10,5% del totale nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Analizzando i dati economici, possiamo dire con orgoglio - conclude Zingaretti – che le azioni messe in campo dalla Regione Lazio stanno contribuendo in maniera decisiva a far ripartire il sistema economico e imprenditoriale del Lazio. Non dobbiamo abbassare la guardia perché la situazione resta difficile e la ripresa è ancora fragile e non strutturale, per questo stiamo intensificando gli sforzi e nei prossimi mesi abbiamo programmato una serie di investimenti e iniziative che avranno un effetto propulsivo sulla crescita delle piccole e medie imprese del Lazio. La Regione Lazio è in prima linea a fianco delle 639.558 imprese del nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • La Dea bendata bacia di nuovo la Ciociaria. Vinti 200 mila euro con un gratta e vinci

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento