Regione, mise -agenzia Ice e Lazio insieme per attrarre gli investimenti esteri

Firmato dal Sottosegretario Ivan Scalfarotto, dal Direttore dell’Agenzia ICE, Piergiorgio Borgogelli, e dall’Assessore allo Sviluppo economico e alle Attività produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani, il Protocollo d’Intesa per l’attrazione...

Firmato dal Sottosegretario Ivan Scalfarotto, dal Direttore dell’Agenzia ICE, Piergiorgio Borgogelli, e dall’Assessore allo Sviluppo economico e alle Attività produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani, il Protocollo d’Intesa per l’attrazione degli investimenti esteri.

Obiettivo primario è mettere a punto un nuovo sistema di governance tra Amministrazioni centrali e regionali per promuovere al meglio le opportunità d’investimento e rafforzare la presenza delle imprese estere sul territorio. Un’azione di coordinamento delle strategie di intervento e delle attività volte quindi a rendere più efficace ed efficiente l’azione delle istituzioni centrali e locali, nonché la ricerca di potenziali investitori a livello internazionale.

L’intesa segue le altre dieci già siglate con altrettante Regioni (Toscana, Lombardia, Campania, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Veneto, Provincia autonoma di Trento, Basilicata e Valle d’Aosta) e si inserisce in un percorso di confronto tra Amministrazioni, sviluppatosi anche nell’ambito del Comitato Attrazione Investimenti presieduto dal Sottosegretario stesso.

Per questo undicesimo protocollo, la Regione Lazio ha indicato la società in house "Lazio Innova S.p.A." come soggetto operativo per l'attuazione delle attività di attrazione investimenti esteri, in collaborazione con l’Agenzia ICE e secondo le indicazioni della Regione Lazio. La firma di questo Protocollo rientra nel più ampio Programma di internazionalizzazione 2016-2017 della Regione Lazio che ha prevede, come elemento innovativo rispetto al precedente, proprio il tema della “attrazione investimenti” tra le linee di azione che si stanno realizzando in questo biennio.

Al centro delle collaborazioni tra MISE-ICE-Regioni figurano lo scambio di informazioni sulle attività svolte, la raccolta e la promozione di opportunità presso gli investitori internazionali, in linea con le specializzazioni individuate dalle strategie regionali di internazionalizzazione.

Essenziale il ruolo svolto dagli uffici dell’Agenzia ICE all’estero, dove alla tradizionale azione di supporto del Made in Italy, si affianca quella di promozione dell’Italia come meta di investimenti.

Ed è per questo motivo che l’ICE, nelle principali piazze finanziarie mondiali come ad esempio New York, Londra, Dubai, Singapore e Tokyo, ha iniziato, già nel 2015, ad aprire dei desk dedicati all’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di progetti innovativi nel nostro Paese. Per il 2017 sono in programma le inaugurazioni dei desk di Hong Kong e Pechino.

REGIONE LAZIO: VALENTE, ‘APPROVATE NUOVE MISURE A TUTELA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI’

L’assessorato al Lavoro della Regione Lazio ha firmato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali la convenzione che permette di garantire, anche nel 2017, il sostegno al reddito mensile ai lavoratori socialmente utili inseriti nel bacino regionale. E’ questa la novità che interessa 686 persone e che è supportata con una copertura finanziaria di oltre 5milioni di euro, di cui il 60% messi a disposizione dalla Regione e il 40% dal Ministero. Altra importante novità, riguarda il numero di persone che hanno presentato domanda per la fuoriuscita volontaria dal bacino della laziale, beneficiando di un incentivo pari a 40mila euro. Si tratta di 87 lavoratori.

"Grazie alla fuoriuscita volontaria finanziata con fondi regionali – commenta in una nota Lucia Valente assessore al Lavoro, Pari opportunità e Personale e della Regione Lazio – il bacino dei LSU passerà dalle attuali 686 a 599 unità. Quando ci siamo insediati, erano 1.344 i lavoratori in attività negli enti locali del Lazio che rischiavano di perdere qualsiasi sostegno al reddito in seguito alle anomalie riscontrate dalla Corte dei Conti nelle convenzioni stipulate tra la precedente Amministrazione regionale e gli enti locali”.

Oltre all’incentivo una tantum per il lavoratore che decide di abbandonare il bacino, per permetter la stabilizzazione, è previsto un bonus di 30mila euro ai comuni utilizzatori che provvederanno a assumere Lsu a tempo indeterminato. L’obiettivo è lo svuotamento completo del bacino al 31 Dicembre del 2018.

TURISMO, SIMEONE (FI): “GIARDINI DI NINFA, NEL DIMENTICATOIO DI ZINGARETTI. GUIDE TURISTICHE NEL PANTANO DELL’INERZIA REGIONALE”

“La Regione Lazio si ricorda del Giardino di Ninfa solo sul portale di Visit Lazio dove, quella che è considerata una delle meraviglie del mondo, viene posta tra le mete di pregio della nostra regione. Nei fatti, la Regione e il presidente Zingaretti, hanno dimenticato che questo sito in cui arte, storia, architettura e natura si coniugano creando un paradiso unico per le sue caratteristiche, sia tra quelli inseriti dal Ministero tra i siti di interesse storico- artistico e classificato dal Mibact come “Monumento Naturale Giardino di Ninfa”. Un passaggio non proprio irrilevante. Tali caratteristiche impongono infatti, stando quanto contenuto nel cosiddetto decreto Franceschini, che tale sito, come molti altri, debba essere dotato di guide specializzate per far fronte alle aspettative dei visitatori. Il decreto, dell’ 11 dicembre 2015, stabilisce infatti che “le regioni rilascino una specifica abilitazione per l’esercizio della professione di guida turistica previo superamento del relativo esame di abilitazione mediante bando regionale da espletarsi con cadenza almeno biennale”. Ma ad oggi la Regione Lazio non ha mosso un solo passo in tal senso. E il termine, fissato a dicembre 2016 per espletare le procedure è stato oltremodo superato. In questo contesto, su sollecitazione del presidente della Fondazione Caetani, che gestisce il Monumento naturale, Pier Giacomo Sottoriva, ho presentato una interrogazione urgente a risposta immediata, chiedendo al presidente Zingaretti e all’assessore competente, previa rassicurazione sui tempi previsti per l’attivazione delle procedure entro l’imminente apertura della stagione turistica, le motivazioni che sono alla base della mancata attivazione dei bandi per l’abilitazione all’esercizio della professione di guida turistica di cui al decreto ministeriale 11 dicembre 2015. Oggi il rischio concreto è quello di una paralisi del sito di Ninfa che ogni anno conta su oltre 70mila visitatori. L’utilizzo di guide specializzate risponde ad un obbligo di legge così come era obbligo della Regione, entro un anno dall’entrata in vigore del decreto dell’11 dicembre 2015, organizzare gli esami di abilitazione per le guide turistiche per tutti i siti individuati dal decreto del 7 aprile 2015. Il perpetrarsi dell’inadempienza della Regione Lazio sull’organizzazione degli esami di abilitazione per la professione di guida turistica, il ricorrere ai soliti “vediamo”, “pensiamo”, rischia di creare non solo un danno economico ed occupazionale ma anche un importante danno all’immagine di quei siti che, come il “Monumento Naturale Giardino di Ninfa”, sono sprovvisti di guide specializzate per far fronte al flusso turistico anche in vista delle imminente apertura della stagione turistica. Il Giardino di Ninfa è stato classificato dal New York Times tra i più belli e romantici giardini del mondo. Ma grazie alle inadempienze di Zingaretti viene ingiustamente penalizzato”.

REGIONE: 800MILA EURO PER VALORIZZAZIONE PATRIMONIO AUDIOVISIVO ZINGARETTI: CONTINUA SOSTEGNO A CULTURA, DIAMO CERTEZZA A TANTE ASSOCIAZIONI DEL LAZIO

Con la pubblicazione della graduatoria 2017 dei contributi per lo sviluppo e la qualificazione delle attività cinematografiche, la Regione Lazio conferma l’impegno per la promozione e la valorizzazione del patrimonio audiovisivo. L’assessorato alla Cultura e Politiche giovanili ha individuato una serie di interventi su tutto il territorio del Lazio per un importo complessivo di euro 789.605.

Su 137 domande presentate sono 80 i progetti di rassegne e festival cinematografici e dell’audiovisivo, con particolare attenzione ai linguaggi innovativi, alla sperimentazione e alle aree tematiche di attualità, co-finanziati dalla Regione per il 2017. Questa graduatoria rappresenta anche una mappa del territorio del Lazio e restituisce una visione d’insieme che coinvolge sale cinematografiche indipendenti, circuiti di associazioni, scuole, biblioteche, case circondariali, archivi di storia del cinema. Anche quest’anno i vari progetti includono laboratori, workshop, seminari, incontri e mostre.

“Questo è un bando che sostiene la cultura che si sviluppa nel nostro territorio – spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - Ci crediamo e, nonostante il periodo difficile, continueremo a finanziarlo anche in futuro. In questo modo daremo certezza alle tante associazioni culturali che promuovono e diffondono il patrimonio audiovisivo in tutto il Lazio”.

"Siamo contenti di finanziare altri 80 progetti tra rassegne e festival sparsi in tutto il territorio del Lazio – dichiara Lidia Ravera assessore alla Cultura e politiche giovanili della Regione Lazio. È un intervento di ordinaria amministrazione ma ha la sua forza nella certezza del bando annuale, nella continuità del sostegno, e quest’anno anche nella celerità della comunicazione della graduatoria. Una possibilità su cui tutti possono contare e che consente alle associazioni di programmare impegni e manifestazioni”.

Nella graduatoria sono presenti realtà consolidate come Immagini dal sud del mondo di Viterbo, l’Arcipelago festival internazionale di cortometraggi e nuove immagini, il Tuscia film Fest, il Fantafestival, il RIFF Roma indipendent film festival, il Pitigliani Kolno’a Festival, il Santa Marinella film fest dedicato al cinema italiano esordiente, il Fondi film festival dell’associazione Giuseppe De Santis, e più recenti rassegne come Cubo Cinema Festival di Ronciglione, il Cinedeaf festival internazionale dei Cinema sordo, Female Touch le donne pensano il cinema, Reaction Roma, il Festival del Cinema a Rebibbia, Il Festival internazionale del cortometraggio di Cisterna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento