Regione, preallerta  neve da quota 600-800 metricriticità idrogeologica codice giallo su Roma e tutte zona allerta

Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento di Protezione Civile ha emesso un Avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dal pomeriggio di oggi, e per le successive 24-36 ore, si prevedono sul Lazio...

Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento di Protezione Civile ha emesso un Avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dal pomeriggio di oggi, e per le successive 24-36 ore, si prevedono sul Lazio ‘precipitazioni a prevalente carattere nevoso mediamente al di sopra dei 600-800 metri, con accumuli al suolo moderati o localmente abbondanti’. Il Centro Funzionale Regionale ha emesso una Preallerta per neve da quota 600-800 metri e un Avviso di criticità idrogeologica codice giallo su tutte le Zone di Allerta. La Sala Operativa Permanente della Regione Lazio ha emesso l’Allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza e ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Regionale al numero 803.555.

È altresì ancora in corso di validità l'Avviso di condizioni meteorologiche avverse di ieri con indicazione che dalla mattinata di oggi e per le successive 24-36 ore si prevedono in estensione dal pomeriggio-sera di ieri sul Lazio: ‘precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento. Si prevedono in estensione al Lazio, dalla tarda mattinata di oggi e per le successive 24-36 ore, venti forti con raffiche di burrasca dai quadranti meridionali. Mareggiate lungo le coste esposte’”.Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

LAZIO, VIA LIBERA IN COMMISSIONE BILANCIO AL FONDO PER LE PMI

La Commissione Bilancio, presieduta da Mauro Buschini (Pd), ha dato parere favorevole a maggioranza alla proposta di deliberazione consiliare "Piano degli obiettivi prioritari, criteri e modalità operative per l'utilizzo del Fondo regionale per le piccole e medie imprese, nonché relativa ripartizione delle risorse ex art. 68 della legge regionale 28 dicembre 2006, n. 27". Si tratta di oltre 155 milioni di euro a sostegno delle Pmi ripartiti in sei macroaree.

Secondo lo schema di ripartizione proposto dalla Giunta e dall’assessore allo Sviluppo economico e Attività produttive, Guido Fabiani, presente alla seduta odierna, 30 milioni sono per il rafforzamento delle garanzie per le Pmi e altri 30 per l’accesso al credito delle piccole imprese e per il microcredito. Dopo l’accorpamento di Banca Impresa Lazio, Unionfidi, Filas e Bic Lazio in Sviluppo Lazio, per la gestione di questi fondi si procederà all’assegnazione con gara pubblica. Passaggio che, secondo Pietro Sbardella (Gruppo misto) ritarderà l’arrivo degli incentivi.

Quaranta milioni sono inoltre destinati a interventi per le infrastrutture a servizio dello sviluppo economico, oltre 28 milioni e 500 mila euro al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali, 12 per l’internazionalizzazione e 15 per i Piani triennali dell’Artigianato e della Cooperazione.

Come ha spiegato nella sua relazione Fabiani, “si tratta di fondi regionali che si integrano con quelli europei” del Por Fesr 2014-2020. “Le proposte rappresentano un primo schema indicativo – ha precisato l’assessore – che riflettono gli obiettivi generali per il sostegno allo sviluppo del territorio definiti dal Consiglio attraverso, in particolare, l’approvazione delle Linee d’indirizzo per un uso efficiente delle risorse finanziarie destinate allo sviluppo 2014-2020 di maggio 2014 e del Defr 2015-2017 approvato lo scorso dicembre”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così come deciso la settimana scorsa all’unanimità nell’VIII commissione regionale (Agricoltura, artigianato, commercio, formazione professionale, innovazione, lavoro, piccola e media impresa, ricerca e sviluppo economico) il testo torna ora alla commissione presieduta da Mario Ciarla che la trasmetterà direttamente al Consiglio regionale dove verranno proposti gli eventuali emendamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, contagi in discesa in Ciociaria. Oltre a due malati oncologici, deceduto un paziente della Città Bianca

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento