Sora, la Farmacia comunale sarà totalmente del Comune, ma non prima di febbraio

La Maggioranza approva la delibera per la gestione in house e la liquidazione della società, ma non ha i numeri per l'immediata esecutività. Adottato l'escamotage della proroga fino al 31 gennaio

Luca Di Stefano Mostra un cartello in Consiglio comunale

La Farmacia comunale passa interamente nelle mani del Comune di Sora e sarà gestita dalla società Ambiente Surl che si occupa del servizio di raccolta differenziata. Ma probabilmente la vera notizia emersa dal Consiglio comunale che si è svolto ieri in seconda convocazione, è che la maggioranza non ha avuto i numeri per approvare l'immediata esecutività delle delibere (la prima sulla modifica della gestione del partenariato pubblico-privato a quello in house, la seconda sullo scioglimento e liquidazione della sociatà Farmacia Comunale s.r.l.) si è trovata costretta ad adottare una proroga dell'attuale gestione fino al 31 gennaio, questo per tutelare i dipendenti. Un escamotage (con emendamento alla delibera proposto dalla maggioranza) al diniego dei consiglieri di opposizione rimasti in aula di raccogliere l'appello del sindaco Roberto De Donatis e votare sì all'immediata entrata in vigore delle delibere così da garantire la continuità del servizio che in caso contrario si sarebbe dovuto interrompere fino al 3 gennaio.

Una maggioranza senza numeri

Affinchè una delibera diventi esecutiva occorre la maggioranza dei voti degli eletti, quindi 9, ieri si arrivava solo a 7. In maggioranza infatti erano vuoti gli scranni sia di Alessandro Mosticone, arrivato a Consiglio quasi concluso, che di Floriana De Donatis, in vacanza ma palesemente contraria alla trasformazione in house della farmacia. Dall'altra parte erano rimasti in 3, Luca Di Stefano, espulso dall'aula per aver mostrato un cartello con su scritto 'La Farmacia non è merce di scambio', Maria Paola D'Orazio che si era astenuta sulla delibera per la gestione in house ed ha abbandonato l'aula dopo il battibecco con il collega di minoranza Ernesto Tersigni per averla tacciata di far parte della Maggioranza, ed appunto l'ex sindaco di Sora che ha dato battaglia sui primi punti all'odg a suon di emendamenti e sospensive. 

Dopo quasi 6 ore di discussione in Aula si è giunti alla conclusione, la Farmacia sarà al 100% del Comune ma dal 1° febbraio e la maggioranza non è riuscita a dimostrare la sua compattenza su una questione tanto importante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento