Unindustria, Giovanni Turriziani esprime preoccupazione per il SIN e per le misure straordinarie non più rinviabili

Sono state presentate proposte tecniche e finanziarie per alleviare il problema ed è stata reiterata la richiesta di istituire la Cabina di Regia SIN Valle del Sacco al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Lazio ed al Mise

Misure di intervento straordinarie per l’area del SIN (Sito di interesse nazionale); istituzione di una cabina di regia per il SIN Valle del Sacco, ridurre le attuali tempistiche per l’esecuzione delle controanalisi ed il rilascio di pareri da parte delle pubbliche amministrazioni; ed infine snellire l’iter procedurale di caratterizzazione e bonifica.

Sono alcune delle richieste avanzate da Unindustria al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Lazio ed al Mise, in merito alle problematiche relative al Sin Valle del Sacco.

L’Associazione degli imprenditori, infatti, si è rivolta nuovamente agli Enti in questione in quanto fortemente preoccupata per lo scenario che si sta delineando a seguito dei primi risultati analitici relativi alle indagini preliminari su terreni ed acque sotterranee condotte da diverse imprese all’interno del SIN “Bacino del Fiume Sacco”. Ciò che sta emergendo, infatti,  è che, spesso si riscontrano superamenti dei valori delle CSC  (Concentrazione soglia di contaminazione) che non interessano i terreni ma sono limitati solo alle acque di falda.

Alla luce di ciò, Unindustria ha messo in evidenza come i contaminanti ritrovati nelle falde non sempre sono ascrivibili ai cicli produttivi delle aziende che operano nei siti oggetto d’indagine, essendo spesso il risultato di eventi storici di contaminazione ed essendo il soggetto che gestisce il sito non sempre responsabile dell’inquinamento.

“E’ chiaro a tutti che – sottolinea il Presidente di Unindustria Frosinone Giovanni Turriziani - molte delle aree del SIN siano state riconosciute aree di crisi industriale complessa, il cui recupero viene considerato prioritario per lo sviluppo del Paese. Per evitare dunque  che l’emergenza ambientale aggravi l’emergenza economica ed occupazionale, è necessario attuare le misure d’intervento straordinarie previste e che allo stato attuale non risultano più rinviabili”

Nel documento trasmesso, Unindustria ha avanzato diverse proposte di natura tecnica, finalizzate a consentire la possibilità di realizzare interventi edilizi, ridurre le attuali tempistiche per l’esecuzione delle controanalisi ed il rilascio di pareri da parte delle pubbliche amministrazioni; snellire l’iter procedurale di caratterizzazione e bonifica e prevedere misure straordinarie per la gestione della contaminazione delle acque.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, è stata reiterata la richiesta di istituire la Cabina di Regia SIN Valle del Sacco prevista dal Protocollo d’intesa sottoscritto a marzo 2018 da MATTM, MISE, Invitalia e Regione Lazio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

  • Ciclista ciociaro muore lungo la strada per Forca d'Acero

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento