Valmontone, Alessio Cerci dallo stadio dei Gelsi al Maracanà di Rio de Janeiro. La soddisfazione del sindaco Latini

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: “Vedere ieri sera il nostro concittadino Alessio Cerci calcare il campo del mitico stadio di Rio de Janeiro, del Maracana’, dove Pelé scrisse la storia del calcio, mi riempie di orgoglio, a nome di tutti i cittadini di...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: “Vedere ieri sera il nostro concittadino Alessio Cerci calcare il campo del mitico stadio di Rio de Janeiro, del Maracana’, dove Pelé scrisse la storia del calcio, mi riempie di orgoglio, a nome di tutti i cittadini di Valmontone. Vedere in campo quel giovane calciatore, un ragazzo come tanti qui a Valmontone, ci conferma che nello sport, come nella vita di tutti i giorni, l’impegno e la serietà vengono ripagati”.

Lo dichiara il sindaco di Valmontone, Alberto Latini, all’indomani dell’esordio con la maglia azzurra, alla IX edizione della Confederations Cup, di Alessio Cerci, il calciatore valmontonese che milita nel Torino e nella Nazionale di calcio.

“Da sindaco – prosegue Latini - mi preme evidenziare che Alessio, calcisticamente parlando, è cresciuto ed ha mosso i primi passi sull’erba del campo dei Gelsi. E’ anche per lui, e per consentire ai nostri bambini di avere le stesse opportunità, che questa Amministrazione intende recedere dall’iter avviato per la cessione di quell’impianto sportivo con l’obiettivo di reperire le risorse necessarie a metterlo a norma e riaprirlo alla pratica sportiva dei valmontonesi”.

“Ad Alessio Cerci, e alla sua famiglia – aggiunge il vice sindaco Eleonora Mattia - vanno i migliori auguri di tutta l’Amministrazione comunale per questo evento storico per la nostra città, con la speranza che l’avventura brasiliana sia quanto più lunga e proficua e regali a tutti noi gioie e soddisfazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto. Dopo la paura ecco le ordinanze di chiusura delle scuole

  • Operazione “Gli Intoccabili”, arrestate altre cinque persone

  • Colleferro, operaio morto nella discarica: indagato l'autista del compattatore

  • Colleferro, operaio muore all'interno della discarica di Colle Fagiolara

  • Omicidio Mollicone, la famiglia Mottola rompe il silenzio: "Innocenti, possiamo dimostrarlo"

  • Cassino, 'movida' da panico tra grida, pugni e colpi di pistola in aria

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento