Valmontone, Franco Volpe sfiduciato da presidente del centro anziani. “Tradita la fiducia di oltre 350 soci”

E’ finita in maniera al quanto brusca la presidenza di Franco Volpe al popoloso centro anziani di Valmontone che conta oltre 700 iscritti, molti dei quali provenienti dai comuni limitrofi.

E’ finita in maniera al quanto brusca la presidenza di Franco Volpe al popoloso centro anziani di Valmontone che conta oltre 700 iscritti, molti dei quali provenienti dai comuni limitrofi.

Lunedì quattro consiglieri di amministrazione due della minoranza (Passa Luigi e Colucci Ugo e due della maggioranza Misischia Bruno e Filippi Raffaella) hanno firmato al comune la mozione di sfiducia del presidente attuale, ed ora l’ente entro 60 giorni dovrà indire le nuove elezioni. Ovviamente il clima cambiato in comune ha influito sulla scelta dei due della maggioranza che ora si ritrovano chi con la maggioranza di Latini e chi con la minoranza di Colucci mentre Franco Volpe è sempre stato visto come una figura molto vicina ad Angelo Miele.

“Il mio più grande rammarico deriva dal fatto – ci spiega con molta serenità Franco Volpe - che si era creato un bel gruppo unito e che in soli 2 anni avevamo fatto moltissime iniziative per i nostri soci, come i corsi di ginnastica posturale, i soggiorni al mare e per la prima volta in montagna e le visite nelle capitali europee. Inoltre, avevamo trovato il modo attraverso feste di autofinanziamento di fare importanti lavori di manutenzione della nostra struttura: abbiamo messo il condizionatore, abbiamo sistemato la tettoia ed il campo da bocce e tante altre piccole cose. Mi spiace, ovviamente, che due persone sulla quali puntavo per continuare a far bene come Misischia (che fa riferimento al nuovo assessore Bernabei) e Filippi (la mamma dell'ex vice sindaco Luca Mazzocchi) abbiano deciso dall’oggi al domani e senza nessuna discussione di abbandonare me e tutta la nostra squadra spinti, forse, da chissà quali nuove correnti politiche che si sono create, tradendo di fatto gli oltre 350 soci che mi votarono. Questo modo di fare a lungo andare non porterà a nessuna conseguenza positiva perché in questi posti ci vuole gente che sappia fare le cose e non la politica da due soldi. Ringrazio, comunque, tutti coloro che mi sono stati vicini come Marcelli e D'Emilia e tutti gli altri collaboratori in questi due stupendi anni”.

DF

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Maltempo, dopo la pioggia è il forte vento a fare danni in Ciociaria. A Cassino grosso albero cade su via Casilina (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento