BioSì Indexa Sora, domani nuova sfida e nuovo campo: il PalaTrento della Diatec

Uno scontro ravvicinato con la Diatec che ha atleti di grandissimo livello, preparati ed organizzati in tutti i ruoli. Occasione di conferme per squadra la volsca

Tutta la BioSì Indexa Sora venerdì mattina si è svegliata desiderosa di tornare in palestra con la grinta e la determinazione di chi sa quello che vuole ed ha appena ricevuto una bella dose di fiducia per puntare dritto al suo obiettivo.All’alba della vittoria casalinga con la BCC Castellana Grotte, coach Barbiero e i suoi ragazzi hanno voluto subito tornare a lavoro per mettere a punto l’ultima trasferta della stagione regolare, quella che domani li farà scendere sul rettangolo da gioco del PalaTrento per affrontare la Diatec. Si sono guardati negli occhi, hanno evidenziato le cose fatte bene ma dato anche la giusta importanza a tutto quello che c’è ancora da migliorare sia per provare a non tornare a mani vuote da Trento, che per affrontare al meglio l’ultimo turno di campionato con Vibo Valentia in programma domenica 4 marzo al PalaGlobo “Luca Polsinelli”.

Il commento di coach Barbiero

“Questa vittoria – spiega coach Mario Barbiero -, e il fatto di aver scavalcato Castellana Grotte in campionato, si traduce come una ricompensa per questi ragazzi. Sono sette mesi che spingiamo in palestra tutti i giorni, giocando bene tante partite, ecco perché questa vittoria è importante al di là della classifica, lo è per questa forma di ricompensa morale. I ragazzi in partenza di primo set erano tesi ed inchiodati, facevano fatica a giocare. Hanno avuto tante difficoltà ma poi pian piano hanno tirato fuori la voglia di vincere e tutto quello che avevano dentro, e sono stati bravissimi.  Vorrei che domenica al PalaTrento ci sia lo stesso carattere che abbiamo mostrato in questa partita dal secondo set in poi, un carattere deciso. Avevamo un obiettivo e su ogni palla si vedeva che volevamo andare avanti nel punteggio e cercare di arrivare alla prima vittoria casalinga. Questo dovrà essere un atteggiamento che deve accompagnarci a Trento e riportarci qui a Sora nell'ultima di campionato senza mollarci un attimo. Cercheremo in tutti i modi di portarlo con noi e di fare tesoro di questa esperienza, del resto dobbiamo imparare anche a vincere”. 

Il commento di S.E. Mons. Antonazzo sulla vittoria volsca

Quella di oggi è stata un’esperienza molto bella, che ha confermato il gusto di questo cammino insieme, magari su due binari diversi ma che perseguono la stessa direzione. Il binario dello sport e il binario della fede, che si ricongiungono lì dove ci sono la persona e l’uomo “campione”, sia a livello sportivo sia a livello morale. La fede contribuisce, con lo sport, a formare persone davvero straordinarie e, aggregandosi, insegnano come si diventa campioni non soltanto con le capacità fisiche e tecniche, ma anche per le doti più intime. L’auspicio è che questa forma di collaborazione possa incrementare, perché si riceve un reciproco beneficio, e che possa essere un motivo di profondo radicamento sul territorio di questa disciplina e del legame con la parrocchia. In questo modo si può dare un grandissimo contributo alla formazione delle nuove generazioni. La vittoria della Biosì Indexa Sora è stata una grande soddisfazione. La squadra è partita un po’ in sordina, ma poi via via c’è stato un crescendo che ha entusiasmato tutti i presenti”.

Al Vescovo fa eco patron Gino Giannetti

“Questo è uno dei rarissimi casi di connubio che noi vogliamo portare avanti, quello tra l’aspetto religioso e l’aspetto sportivo, e ne siamo orgogliosissimi. Tra le altre cose, riusciamo in questo modo a far vivere a tutte le parrocchie e a tutti i ragazzi, con le loro famiglie, delle bellissime serate di sport. Nonostante la gara ci sia stata di giovedì sera e nonostante ci fosse la diretta Rai a dare la tranquillità di poter vedere la partita sul divano, abbiamo avuto un importante numero di presenze al palazzetto e ciò non può che farci piacere. Contro Castellana è stata una grandissima gara, perché ci tenevamo davvero tanto. Non abbiamo fatto niente, non possiamo gioire, ma ho visto una squadra che ha finalmente giocato bene e si è divertita. Abbiamo colto il risultato pieno, ovvero i 3 punti. Io credo che se continuassimo a divertirci così in campo, potremmo toglierci tante altre soddisfazioni fino alla fine della stagione agonistica”.

La Diatec

Ultimo impegno casalingo di regular season per la Diatec Trentino valevole per la 12a di ritorno di SuperLega UnipolSai giornata nella quale tutti Club della Lega Pallavolo Serie A sostengono la “XI Giornata delle Malattie Rare”, che si commemora in tutto il mondo l’ultimo giorno di febbraio. Un impegno che si rinnova per la decima stagione consecutiva al fianco di UNIAMO (Federazione Italiana Malattie Rare). La Diatec, che mercoledì ha superato in tre set Vibo Valentia, deve difendere il quarto posto della classe dalle mire di Verona, quinta a 45 punti e dunque a sole due distanze. Quattro i risultati utili consecutivi messi a segno dai ragazzi di Lorenzetti tra i quali il tie break vinto a Modena e i 3 punti pieni con Piacenza e Latina.

Conclude Barbiero

“Trento è uno squadrone – continua la guida tecnica sorana -. Ha atleti di grandissimo livello, preparati ed organizzati in tutti i ruoli. Noi andiamo lì proprio per cercare di imparare da loro e trovare il piglio giusto perché è vero che bisogna giocare bene, ma è altrettanto vero che c'è bisogno del meccanismo giusto per portare a casa i punti e la vittoria. Bisogna anche allenarsi a vincere. Si prospetta un match difficilissimo con la Diatec che in casa fa grandissime partite, ma spero di portare al PalaTrento una squadra che onori la pallavolo proprio come ha fatto contro Castellana Grotte”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

  • Pontecorvo, dopo lo schianto di ieri sera in via Leuciana muore anche Luca Forte

  • Cassino, cade in un tombino lasciato aperto e si rompe la faccia

  • Valmontone-Artena, violento scontro tra autocisterna ed una macchina. Traffico in tilt su via Ariana

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento