Consegnato il Premio Retina d’Oro alla Virtus Cassino

Donatella Formisano conferma "Questo premio non è rivolto solo a me e non è rivolto solo alla nostra squadra. È un riconoscimento importante per tutta la società sportiva che rappresenta un’intera città"

Si è svolta ieri mattina, presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, la cerimonia di consegna del Premio Retina d’Oro alla Virtus Cassino, società sportiva cestistica con un fiorente settore giovanile e una una squadra che milita in serie A.

Alla presenza dei dirigenti della squadra cassinate, Donatella Formisano e Leonardo Manzari, del presidente del Premio Retina d’Oro, Mauro Rufini, e dei giovani atleti, il vicesindaco Beniamino Papa e il consigliere comunale con delega allo Sport, Carmine Loreta Di Mambro, hanno espresso il loro entusiasmo per l’importante riconoscimento ottenuto e hanno voluto ringraziare l’intera squadra per aver portato, attraverso i prestigiosi traguardi raggiunti, il nome della città in alto sul palcoscenico sportivo nazionale.

Il commento del vice sindaco Papa

“Questo riconoscimento va a Donatella Formisano, alla squadra e a tutta la nostra città. - ha detto in vicesindaco Papa – Quando la Virtus ha cominciato la sua avventura, nessuno di noi avrebbe mai immaginato un percorso tanto brillante e ricco di successi. In pochi anni la Virtus è arrivata in serie A2 e ora si trova ad affrontare sfide sempre più grandi. La città tutta è con voi e cercherà di esserlo sempre di più”.

Le parole di Donatella Formisano

“È molto emozionante ricevere questo premio: sono commossa. – ha commentato Donatella Formisano - Non è assolutamente facile portare avanti un progetto importante come quello della Virtus in una città complessa come la nostra, una città che amiamo e che intendiamo valorizzare. Questo premio non è rivolto solo a me e non è rivolto solo alla nostra squadra. È un riconoscimento importante per tutta la società sportiva che rappresenta un’intera città. Grazie a tutti gli atleti che in questi sette anni hanno vestito la maglia della Virtus, grazie a mio marito e alla mia famiglia, alle persone che ogni giorno lavorano per la squadra, grazie a ciascun tifoso. Il Premio Retina d’Oro conferitoci oggi è un riconoscimento a quanto la Virtus Cassino ha fatto in soli sette anni di vita societaria, il cui approdo in serie A2 è solo uno dei tanti meriti attribuito ad una società di basket che si è distinta per programmazione, impegno e risultati ottenuti sportivamente e socialmente. Per questo motivo ho ringraziato tutti coloro, a vari livelli, che in questi anni hanno “vestito” la maglia della Virtus Cassino: dirigenti, staff tecnico, giocatori di prima squadra, giocatori del settore giovanile e del Minibasket, famiglie che hanno seguito, incoraggiato e supportato i figli nelle attività sportive, sponsor, tifosi e appassionati. Ciascuno ha contribuito a questa bellissima storia di Sport e non solo, che ovunque e chiunque ci riconosce, definita ieri “storia di grande bellezza”! Il premio è stato dedicato da mio marito, da me e dalla Virtus Cassino alla nostra amata città”.

Chiude il delegato allo sport Di Mambro

“La Retina D’Oro è un premio molto prestigioso che promuove lo sport come strumento di crescita e di inclusione sociale. – ha dichiarato il consigliere Di Mambro – Nelle precedenti edizioni se lo sono aggiudicato personalità eccellenti del calibro di Barack Obama, Gianni Petrucci, Dino Meneghin, Gianni Rivera, Dan Peterson, Mario Draghi e tanti altri. Il fatto che la Virtus se lo sia aggiudicato quest’anno è segno di un grande impegno da parte della società sportiva e motivo di orgoglio e di vanto per l’intera città di Cassino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento