Consegnato il Premio Retina d’Oro alla Virtus Cassino

Donatella Formisano conferma "Questo premio non è rivolto solo a me e non è rivolto solo alla nostra squadra. È un riconoscimento importante per tutta la società sportiva che rappresenta un’intera città"

Si è svolta ieri mattina, presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, la cerimonia di consegna del Premio Retina d’Oro alla Virtus Cassino, società sportiva cestistica con un fiorente settore giovanile e una una squadra che milita in serie A.

Alla presenza dei dirigenti della squadra cassinate, Donatella Formisano e Leonardo Manzari, del presidente del Premio Retina d’Oro, Mauro Rufini, e dei giovani atleti, il vicesindaco Beniamino Papa e il consigliere comunale con delega allo Sport, Carmine Loreta Di Mambro, hanno espresso il loro entusiasmo per l’importante riconoscimento ottenuto e hanno voluto ringraziare l’intera squadra per aver portato, attraverso i prestigiosi traguardi raggiunti, il nome della città in alto sul palcoscenico sportivo nazionale.

Il commento del vice sindaco Papa

“Questo riconoscimento va a Donatella Formisano, alla squadra e a tutta la nostra città. - ha detto in vicesindaco Papa – Quando la Virtus ha cominciato la sua avventura, nessuno di noi avrebbe mai immaginato un percorso tanto brillante e ricco di successi. In pochi anni la Virtus è arrivata in serie A2 e ora si trova ad affrontare sfide sempre più grandi. La città tutta è con voi e cercherà di esserlo sempre di più”.

Le parole di Donatella Formisano

“È molto emozionante ricevere questo premio: sono commossa. – ha commentato Donatella Formisano - Non è assolutamente facile portare avanti un progetto importante come quello della Virtus in una città complessa come la nostra, una città che amiamo e che intendiamo valorizzare. Questo premio non è rivolto solo a me e non è rivolto solo alla nostra squadra. È un riconoscimento importante per tutta la società sportiva che rappresenta un’intera città. Grazie a tutti gli atleti che in questi sette anni hanno vestito la maglia della Virtus, grazie a mio marito e alla mia famiglia, alle persone che ogni giorno lavorano per la squadra, grazie a ciascun tifoso. Il Premio Retina d’Oro conferitoci oggi è un riconoscimento a quanto la Virtus Cassino ha fatto in soli sette anni di vita societaria, il cui approdo in serie A2 è solo uno dei tanti meriti attribuito ad una società di basket che si è distinta per programmazione, impegno e risultati ottenuti sportivamente e socialmente. Per questo motivo ho ringraziato tutti coloro, a vari livelli, che in questi anni hanno “vestito” la maglia della Virtus Cassino: dirigenti, staff tecnico, giocatori di prima squadra, giocatori del settore giovanile e del Minibasket, famiglie che hanno seguito, incoraggiato e supportato i figli nelle attività sportive, sponsor, tifosi e appassionati. Ciascuno ha contribuito a questa bellissima storia di Sport e non solo, che ovunque e chiunque ci riconosce, definita ieri “storia di grande bellezza”! Il premio è stato dedicato da mio marito, da me e dalla Virtus Cassino alla nostra amata città”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiude il delegato allo sport Di Mambro

“La Retina D’Oro è un premio molto prestigioso che promuove lo sport come strumento di crescita e di inclusione sociale. – ha dichiarato il consigliere Di Mambro – Nelle precedenti edizioni se lo sono aggiudicato personalità eccellenti del calibro di Barack Obama, Gianni Petrucci, Dino Meneghin, Gianni Rivera, Dan Peterson, Mario Draghi e tanti altri. Il fatto che la Virtus se lo sia aggiudicato quest’anno è segno di un grande impegno da parte della società sportiva e motivo di orgoglio e di vanto per l’intera città di Cassino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

  • Ciclista ciociaro muore lungo la strada per Forca d'Acero

  • Coronavirus, bollettino 27 giugno: il Covid si riaffaccia in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria, bollettino 29 giugno: altro caso positivo da accesso al pronto soccorso

  • Grave incidente in via Casilina: ferito elitrasportato d'urgenza a Roma

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento