Frosinone, il saluto dell'ex DS Marco Giannitti

L'ex direttore sportivo giallazzurro ha contribuito a fare la storia di questo club, con tre promozioni in cinque anni

Marco Giannitti

Il saluto di Marco Giannitti ai tifosi del Frosinone:

Cari amici e cari tifosi,

era il 24 giugno del 2013 quando divenni il Direttore Sportivo di un Frosinone che militava in Lega Pro e oggi sono qui a salutarvi. Anche se avrei voluto che questo momento non arrivasse mai.

Nel mezzo ho vissuto oltre 5 anni irripetibili in cui le vittorie più belle sono state sia quelle sul campo sia quelle fuori, a partire dal far innamorare di questa maglia una nuova generazione di tifosi.

In questo momento vorrei abbracciarvi uno ad uno, e a ognuno vorrei che arrivasse il mio personale grazie. Grazie per avermi fatto sentire uno di voi, un figlio di questa terra. Grazie per essermi stati accanto anche nei momenti più difficili, grazie per non aver mai perso la fiducia in me.

E soprattutto grazie  allo straordinario gruppo di uomini prima che calciatori con i quali è stato possibile realizzare tutto questo. Hanno dimostrato che non esistono limiti ai propri sogni. E se lo si vuole davvero, nessun obiettivo è irraggiungibile. Senza dimenticare tutto il personale del Frosinone Calcio la cui professionalità ha permesso di portare avanti il progetto nel migliore dei modi.

Porterò sempre con me le domeniche insieme al Matusa, i cori della Nord, l’incitamento negli allenamenti, le prime partite nel nuovo Stadio, gli applausi alla fine della partita contro il Sassuolo, diventati uno spot per il calcio italiano, e le feste per le tre emozionanti promozioni.

Mai avrei immaginato di poter ricevere così tanto da questa esperienza umana e professionale che custodirò sempre dentro di me.

Mi mancherete, mi mancherà il vostro calore e quel “ciao Direttò, mi raccomando!” con cui mi facevate capire quanto fosse importante il Frosinone per questa città.

Da professionista però ero consapevole che prima o poi il momento dei saluti sarebbe arrivato. Quello che non sapevo è che sarebbe stato così difficile dirvi addio. Lo faccio in punta di piedi, così come sono arrivato.

Da settimane sono travolto da mille ricordi ed emozioni che mi hanno fatto capire quanto sia stato importante far parte di questi colori.

Ecco perché, anche se sarò altrove, un pezzo del mio cuore rimarrà sempre qui a urlare ad ogni partita “Dai Frosinone!”. Le nostre strade si dividono, ma il legame non si spezzerà mai. Nulla potrà mai cancellare le pagine di storia che abbiamo scritto insieme.

Con affetto
Marco

Potrebbe interessarti

  • Minacce alla moglie, noto medico verolano sospeso dalla Asl di Frosinone

  • Il ricordo di Nadia Toffa: quella volta che parlò dei tumori della Valle del Sacco

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Cassino, ecco le zone dove lunedì 19 e martedì 20 mancherà l'acqua

I più letti della settimana

  • Sora-Arpino, notte di sangue. Auto contro un muretto muore la giovane Stella Tatangelo (foto)

  • Sora, l'ultimo straziante saluto a Stella tra gli amici e le rose bianche (video)

  • Cassino-Formia, con l'auto sullo spartitraffico. Grave una ragazza di 24 anni

  • Trovato morto in un lago di sangue dall'anziana mamma

  • Sora sotto choc per la tragedia di Arpino. Lutto cittadino nel giorno dei funerali di Stella Tatangelo

  • Anagni-Colleferro, pullman a fuoco. Chiusa l'autostrada A1 in direzione Roma per oltre due ore

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento