Una Virtus Cassino da sogno espugna il parquet di Salerno

Il DS Manzari “Non possiamo nascondere che si sia compiuto un grande passo in avanti per la costruzione della nostra identità di squadra”

Una di quelle serate da ricordare nei migliori racconti dei tifosi dei colori rossoblù. Una di quelle serate in cui è bello essere al seguito della tua squadra del cuore.

Una grande vittoria contro il Salerno

Questi possono essere i sentimenti che affollano le menti e i cuori in tumulto dei tifosi cassinati che si rimettono in macchina per tornare nella città martire dopo aver assistito alla vittoria della loro squadra del cuore. Un manipolo di coraggiosi, gli atleti con le “V” rossoblù sul petto, che ha avuto la pazienza e la costanza di non darsi mai per vinto, di rimanere sempre aggrappato alla partita e, complice un quarto periodo straordinario per vigoria fisica ed atletica, di andarsi a prendere la posta in palio con merito e soprattutto con grande orgoglio.

Il commento del DS Manzari

Non possiamo nascondere che si sia compiuto un grande passo in avanti per la costruzione della nostra identità di squadra” le parole del DS rossoblù, il dott. Leonardo Manzari, al termine della gara “Lo avevamo nelle corde e dovevamo rivelarlo. L’occasione giusta era questa anche per come si era svolta la gara (la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, aveva perso per strada Simone Bagnoli e Nik Petrucci per raggiunto limite di falli all’inizio dell’ultimo periodo di gioco, ndr). Dovevano i miei ragazzi regalarsi una prova come quella di stasera e per chi, come me, ha sempre creduto e sottolineo sempre creduto nella bontà e nella qualità delle loro capacità questa è una bella, bellissima serata. Adesso però testa bassa godiamoci per qualche ora ancora il piacevole sapore della vittoria ma da domattina torniamo ad essere umili e concentrati e soprattutto a pensare soltanto al lavoro. Ci attende una gara complicatissima con la capolista del girone (Palestrina, sabato 3 febbraio al Palavirtus di Cassino, palla a due alle ore 18.00,ndr) e non possiamo distrarci, sappiamo, ne abbiamo la consapevolezza, di aver costruito un team granitico con dei valori morali importanti. Per questo motivo sono sicuro che la stagione 2017-18 è costruita sul viatico di quelle che l’hanno preceduta. Saremo lì sempre a lottare con le migliori compagini del girone. Penso che Cassino possa andare fiera di questi guerrieri (sì li chiama proprio così i “suoi” ragazzi,ndr)” conclude il dirigente cassinate.

La gara

Una gara bellissima che sembrava indirizzata verso la vittoria dei padroni di casa come era nei pronostici della vigilia (chi avrebbe scommesso un euro sui ragazzi di Vettese?, ndr), equilibrata per due quarti, 38-36 per i salernitani alla pausa lunga, ma che poi vive dell’allungo che sembra decisivo di Sorrentino ( che partita la sua, 25 minuti giocati e 23 punti realizzati, ndr) e compagni che vanno all’ultimo quarto sul punteggio di 54 a 44 , un + 10 che la dice lunga sulla possibilità dei cassinati di poter ribaltare le sorti del match. Ed i pronostici invece venivano ribaltati dai viaggianti che incredibilmente, nonostante la perdita del loro lungo, Simone Bagnoli fuori a 1 minuto dalla fine del III periodo di gioco per due falli fischiati in rapida successione dalla coppia arbitrale, uno di gioco, il quarto, ed uno per proteste, il quinto . Vettese è costretto a fare di necessità virtù. E’ costretto a giocare “piccolo” come si dice in gergo ed i suoi che sembravano destinati al massacro, sportivo ovviamente, sbocciano in maniera fantastica. Dominano letteralmente sia nel punteggio che emotivamente l’ultima frazione di gioco, 31 a 20, dimostrandosi davvero un team ben allenato dal punto di vista atletico e soprattutto forte molto forte di testa. Allorquando soprattutto perdono l’ispiratissimo Nicolò Petrucci a tre minuti dal termine per un fallo fischiato dalla coppia arbitrale su un intervento difensivo, stoppata su Gennaro Sorrentino, assolutamente pulita per la bellezza del gesto tecnico. Tutto sembra congiurare per le sorti del match verso una inevitabile sconfitta. Sorrentino va in lunetta e a soli 2 minuti e 50 secondi dal termine firma il 71 a 69 per la Virtus Arechi Salerno.

Il gran finale

Finita? Macché. Vettese getta nella mischia Fabrizio De Ninno. Carrizo (che Carrizo signori !!!!!!, 25 punti realizzati in 39 minuti giocati, 29 di valutazione, 6 falli subiti e 0 dicasi 0 commessi, 3 palle recuperate, 50% da due e 60% da tre, MVP di serata of course ndr) carica la squadra ed i suoi rispondono colpo su colpo. Sul rovesciamento di fronte è l’argentino in isolamento a realizzare quando il cronometro segna 1 minuto e 50 secondi al termine il canestro del pareggio, 71-71. Di Prampero realizza solo uno dei liberi concessi per fallo di Del Testa e Salerno comanda per 72 a 71 a 1 e 30 dalla sirena finale. De Ninno sbaglia la conclusione del possibile sorpasso ma dimostra coraggio. Sorrentino sbaglia il tiro da tre per ammazzare la gara e Carrizo oltre a catturare il rimbalzo decisivo subisce il fallo che lo manda in lunetta a 50 secondi dal termine. Sorpasso Cassino, 73-72. Cucco subisce fallo da Panzini ed in lunetta a tredici secondi dal termine realizza l’ennesimo controsorpasso, 74-73. Sull’ultimo possesso per i viaggianti, in isolamento Carrizo, chi altro, sfida Paci e lo beffa con una sospensione mortifera,75-74. Esplode lo spicchio dei tifosi rossoblù ma mancano ancora 3 secondi. Paternoster chiama il time out ma la preghiera di Petrazzuoli finisce tra le mani di Capitan Del Testa. Che la festa abbia inizio per i cassinati. Cassino ha vinto .   

Il tabellino  

Virtus Arechi Salerno - BPC Virtus Cassino 74-75

Parziali : 17-14, 21-22, 16-8, 21-30

Virtus Arechi Salerno: Sorrentino 23 (8/13, 1/3), Paci 12 (6/10, 0/0), Cucco 7 (1/5, 1/3), Leggio 7 (2/4, 0/2), Mennella 7 (2/2, 0/0), Petrazzuoli 6 (0/1, 2/3), Di Prampero 5 (0/4, 1/4), Bartolozzi 5 (2/2, 0/1), Babilodze 2 (1/2, 0/1), Cucco 0 (0/0, 0/0), Datuowei 0 (0/0, 0/0), Niang 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 18 - Rimbalzi: 40 12 + 28 (Cucco 7) - Assist: 15 (Cucco 5)

All. Paternoster

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 25 (5/10, 3/5), Maurizio Del Testa 16 (2/3, 4/7), Nicolò Petrucci 14 (1/3, 4/8), Simone Bagnoli 10 (5/5, 0/0), Lorenzo Panzini 7 (2/6, 1/4), Enzo Cena 5 (1/2, 0/7), Fabrizio De Ninno 0 (0/4, 0/0), Giuseppe Di Poce 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 12 - Rimbalzi: 24 7 + 17 (Simone Bagnoli, Lorenzo Panzini 7) - Assist: 8 (Lorenzo Panzini 4)

All. Vettese Ass. Incelli

MVP : Manuel Carrizo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anagni, 15enne muore durante l' elitrasporto al Bambino Gesù

  • Sora, muore a soli 35 anni l'autotrasportatore Gianluca Caschera

  • Villa Santa Lucia, va da un concessionario per acquistare una nuova auto e muore

  • Cassino, raccapricciante scritta nei confronti del segretario della Lega giovani

  • Incidente alla stazione di Ceccano, una persona finisce sotto al treno

  • Fiuggi, spaccio tra i vicoli del centro anche a minorenni. Ecco chi sono i quattro arrestati

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento