Vis Artena, Matrigiani: «Supereremo quota 50 punti. La partita con la Lupa Roma è pericolosa»

Dopo la vittoria contro il Budoni gli artenesi sono a quota 35 punti, davvero a pochi passi dalla sicura permanenza in categoria

La Vis Artena fatto altri tre passi verso la salvezza nell’ultimo turno di campionato, quando i ragazzi di mister Francesco Punzi hanno piegato a domicilio il Budoni per 2-0 grazie ai gol del solito di Tozzi e di Baldassi. Un successo che proietta gli artenesi a quota 35 punti, davvero a pochi passi dalla sicura permanenza in categoria. Il presidente Roberto Matrigiani parla del match coi sardi, di quello in anticipo domani sul campo della Lupa Roma e anche di alcuni temi generali molto interessanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento del presidente Matrigiani

"Nella partita col Budoni la squadra ha fatto come al solito una buona prestazione. Stavolta, a differenza di altre occasioni, siamo stati anche aiutati da un pizzico di fortuna: sull’1-0 i sardi, che ci avevano messo in difficoltà anche all’andata, hanno fallito un calcio di rigore e poi Baldassi ha siglato il 2-0. Questa volta vorrei fare i complimenti, oltre che a Crescenzo che non ne ha bisogno perché è un giocatore di categoria superiore, ad Alessandro Montesi. Un ragazzo silenzioso, sempre sorridente e positivo, che si è trovato a sostituire un giocatore fondamentale come Costantini e non lo ha fatto mai rimpiangere. Ha lavorato seriamente e si è fatto trovare sempre pronto. La quota salvezza? Non ne ho mai parlato, sono convinto che questo gruppo supererà i 50 punti e poi nel giorno della festa salvezza ci potrebbe essere anche una sorpresa… La partita di domani con la Lupa Roma è molto pericolosa: il mister sta tartassando i ragazzi, spronandoli a mettere la massima determinazione in campo. Ma si giocherà su un terreno in erba naturale allentato dalle condizioni meteo di questi giorni e ci potrebbero essere dei rischi per un’inconscia sottovalutazione visto che la nostra è una squadra molto giovane. A proposito di giovani, vorrei sottolineare che noi qui li facciamo giocare perché meritano e non solo perché c’è un obbligo dettato dal regolamento. Vorrei fare, infine, due riflessioni di carattere generale: una sul mondo del calcio che è popolato sempre più da cosiddetti “piottari”, da gente che non ha alcuna competenza e gira intorno alle società per racimolare qualche euro con fare da avvoltoio. E un’ultima cosa la vorrei dire sulle Scuole calcio che dovrebbero tornare ad essere a misura di bambino, puntando esclusivamente su gente che sa di calcio e che di conseguenza sa trasmettere anche la passione per il nostro gioco ai più piccoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento