20 anni senza Fabrizio De Andrè: una vita per la musica

Il grande cantautore italiano morì 20 anni fa a soli 58 anni stroncato da un tumore polmonare

11 gennaio 1999: 20 anni fa la notizia che sconvolse il mondo della musica italiana, la morte a soli 58 anni del grande cantautore genovese Fabrizio De Andrè per un tumore polmonare.

Oggi a 20 anni dalla sua morte nessuno lo ha dimenticato ed in molti cantano le sue canzoni divenute classici della canzone italiana da "Il pescatore", "Il testamento di Tito", "Il giudice", "Amore che vieni, amore che vai", "Don Raffaè" e tante altre. In quasi quarant'anni di attività artistica, De André ha inciso quattordici album in studio, più alcune canzoni pubblicate solo come singoli e poi riedite in antologie. Molti testi delle sue canzoni raccontano storie di emarginati, ribelli e prostitute, e sono considerate da alcuni critici come vere e proprie poesie, tanto da essere inserite in varie antologie scolastiche di letteratura già dai primi anni settanta e da ricevere gli elogi anche di grandi nomi della poesia come Mario Luzi. È l'artista con il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco, con sei Targhe e un Premio Tenco. La popolarità e l'alto livello artistico del suo canzoniere hanno spinto alcune istituzioni, dopo la sua morte, a dedicargli vie, piazze, parchi, biblioteche e scuole. Grandi e forti le amicizie che coltivò nella sua vita da quella con Gino Paoli e Luigi Tenco a Bebbe Grillo, testimone delle sue nozze, e Paolo Villaggio ed un grande amore per Dori Ghezzi, compagna di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicola Piovani ha detto di lui "De André non è stato mai di moda. E' infatti la moda, effimera per definizione, passa. Le canzoni di Fabrizio restano" e nella memoria collettiva resta il cantautore delle ballate, dalla voce profonda, colui che dà voce agli emarginati. Una vita sicuramente sopra le righe, dedicata alla musica, caratterizzata da esperienze politiche - si dice che fu controllato  e spiato dai servizi segreti per la sua vena anarchica e pacifista a livello politico- dal rapimento durato ben 4 mesi con la moglie e compagna di vita Dori Ghezzi in Sardegna. Un indimenticabile cantautore di anima e di cuore che ha lasciato un segno indelebile nella musica italiana e non solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento