menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anagni – Alatri, nella via Crucis virtuale ricordato il sacrificio di Willy Monteiro

“Verità è confessare cosa è successo ai minori e alle donne vittime di abusi, ma senza vendetta né violenza”

Le restrizioni imposte dalla zona rossa hanno portato a dei cambiamenti anche nelle celebrazioni religiose oltre che nella vita di tutti i giorni. Ieri i ragazzi della diocesi di Anagni-Alatri hanno realizzato una Via Crucis per la Santa Pasqua in video che è stata diffusa sul sito e sui canali social diocesani. È stato ricordato anche il sacrificio del giovane palianese Willy Monteiro Duarte, il ragazzo bruttalmente ucciso a calci e pugni a Colleferro nel settembre del 2020 come occasione per riflettere sul tema della verità.

“Verità è raccontare a una famiglia che ha perso un proprio caro come ciò è accaduto – affermano i giovani di Anagni commentando la prima stazione della Via Crucis come riporta il agensir.it –. Verità è confessare cosa è successo ai minori e alle donne vittime di abusi, ma senza vendetta né violenza”.

La solidarietà condivisa, vissuta come carità politica, il valore della persona umana, anche se con disabilità o anziana, sono altri temi affrontati nelle riflessioni. Parlando dalle loro camerette o avendo come sfondo alcuni paesaggi del territorio, i giovani parlano di dignità e inclusività e, nell’animazione, utilizzano anche il linguaggio italiano dei segni. “Facciamoci carico della realtà che ci spetta, senza temere dolore né difficoltà, che sono opportunità per crescere”, aggiungono.

Le parole del Vescovo Loppa

La Via Crucis si conclude con un videomessaggio del vescovo di Anagni-Alatri, mons. Lorenzo Loppa, che afferma: “La Via Crucis ci dice che non ci salva la sofferenza ma l’amore. Le mani di Gesù sulla croce non sono state tenute ferme dai chiodi ma dall’amore. Egli non è venuto per evitarci o spiegarci la sofferenza ma per abitarla, per camminare con noi dentro la Via Crucis, che è anche Via Lucis. Tanti sono i massi nella nostra vita, ma nessuno è abbastanza per fare ostruzione alla nostra speranza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento