rotate-mobile
Attualità Arce

La Comunità Montana contro Gianluca Quadrini, il tribunale accoglie la costituzione di parte civile

La richiesta, presentata dal commissario straordinario Rossella Chiusaroli, è stata inserita nel procedimento a carico dell'ex presidente dell'Ente montano finito sotto processo e coinvolto in una delicata indagine della Procura di Cassino

Inizia in salita il processo a suo carico di Gianluca Quadrini per il reato di abuso d’ufficio commesso, secondo la contestazione formulata personalmente dal Procuratore della Repubblica del Tribunale di Cassino, Luciano d’Emmanuele, quando era in carica quale Presidente della XV Comunità Montana Valle del Liri.

Il Tribunale di Cassino all’udienza dibattimentale che si è svolta il 30 settembre ha infatti ammesso la costituzione di parte civile depositata la scorsa estate dall’avvocato Antonio Valente quale difensore dalla Comunità Montana su richiesta del commissario straordinario, la dottoressa Rossella Chiusaroli. Il Collegio ha, altresì, rigettato le eccezioni preliminari sollevate dall’avvocato Lara Capitanio, nuovo difensore dell’ingegner Quadrini, ha ammesso tutte le prove richieste dal Pubblico Ministero Chiara D’Orefice e dalla parte civile. 

Il Tribunale ha concentrato l’attività dibattimentale fissando già le prossime udienze al 10 febbraio 2022 ed al 24 marzo per le arringhe finali. L’indagine che è sfociata nella richiesta di rinvio a giudizio dell’ex Commissario della Comunità Montana trae origine dalla denuncia presentata da Dino Giovannone, precedente Presidente dell’Ente montano. Nella denuncia sporta veniva rappresentato che Quadrini faceva adottare delibere dai dipendenti della Comunità che presiedeva per stipulare contratti con società a lui vicine e che avevano sede in immobili di proprietà dell'Ente Montano violando i criteri di scelta dei contraenti previsti per i contratti della Pubblica Amministrazione. Tale condotta veniva successivamente rilevata anche dall’ANAC.

A seguito delle indagini eseguite dalla Guardia di Finanza, la Procura ha ritenuto sussistere gli elementi per la formulazione del capo di imputazione ed il GIP ha disposto il rinvio a giudizio di Quadrini. Gianluca Quadrini è attualmente coinvolto anche in altra indagine per fatti commessi alla guida dell’Ente montano per i quali la Guardia di Finanza ha operato una serie di sequestri di materiale informatico e cartaceo ancora al vaglio degli investigatori.

La revoca della carica di commissario

Altre irregolarità gestionali hanno indotto il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a revocare nel febbraio 2021, Gianluca Quadrini ed il suo vice Amilcare D’Orsi dalle cariche di Commissario e Vice Commissario della Comunità Montana Valle del Liri, sostituendoli con Rossella Chiusaroli. Il provvedimento di revoca è stato impugnato al TAR del Lazio ma la richiesta di sospensiva è stata rigettata e l’udienza di discussione della causa si celebrerà nel gennaio 2022. Nel procedimento amministrativo la Comunità Montana è difesa dagli Avvocati Antonio Valente e Nadia Di Salvo.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Comunità Montana contro Gianluca Quadrini, il tribunale accoglie la costituzione di parte civile

FrosinoneToday è in caricamento