Arpino, vendita ex scuola di Collecarino, l'opposizione vuole vederci chiaro e interroga il Comune

Sotto la lente d'ingrandimento è finita la compravendita dell'immobile comunale. Per la minoranza ci sarebbero alcune anomalie nell'incartamento.

Vendita dell'ex scuola di Collecarino, i consiglieri di minoranza di Arpino vogliono far luce sulla cessione dell'immobile comunale sottolineando quelle che sembrerebbero essere anomalie riguardanti prezzo e procedura della compravendita.  L'intera opposizione. Mauro Iafrate, Rachele Martino, Fabio Forte e Gianluca Quadrini ha formalizzato un'interrogazione a risposta scritta nella quale da una parte ripercorrono l'iter amministrativo, dall'altra pongono alcune domande che sulla incerta vicenda aprono dubbi e sospetti.

Cosa non quadra

"Con una ricostruzione dei documenti, - fanno sapere dalla minoranza - citando delibere di giunta e determinazioni del settore competente, l'opposizione mette l'accento su alcune 'anomalie' dell'incartamento: i prezzi che cambiano da un atto all'altro, l'immobile che ad un certo punto risulta venduto, il cambio di destinazione d'uso, contratti preliminari con versamento della caparra (10mila euro) e soprattutto la messa in vendita da parte di sconosciuti, tramite un'agenzia immobiliare diversa da quella cui era stata affidata la cessione ad un prezzo maggiore rispetto a quello stabilito dalla giunta dopo l'offerta di un privato. Speculazione su un immobile pubblico? Il Comune sapeva? Non è chiaro. In attesa delle risposte occorre soffermarsi anche su un altro aspetto della vicenda, tutto legato alle esigenze di bilancio. Con i 100mila euro solo promessi, l'amministrazione Rea ha chiuso l'esercizio finanziario 2018. Incassata la caparra (10mila euro a marzo 2019), l'Ente avrebbe dovuto riscuotere i restanti 90mila entro il 31 dicembre scorso".

Ecco quindi i quesiti posti dalla minoranza:

- Alla data del 31.12. 2019 sono stati incassati i 90mila euro pattuiti? In caso ciò non fosse avvenuto quali azioni ha avviato o intende avviare l'amministrazione civica?

- Nel periodo risalente all'estate 2019 l'immobile era ancora di proprietà comunale? E in caso affermativo come è possibile che fosse posto in vendita, peraltro ad un prezzo superiore rispetto a quello fissato tra Ente e privato? L'amministrazione ne era a conoscenza? E in questo caso quali azioni ha posto in essere?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- L'eventuale mancata corresponsione del saldo (90.000 euro) entro il 31. 12. 2019 come da delibera di giunta n. 150 del 24 settembre 2019, pregiudica i conti del Comune?"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

  • Il 2 giugno i funerali di Guglielmo Mollicone. Oggi l'anniversario della morte di Serena

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento