rotate-mobile
Gioco d'azzardo

Asp Frosinone, in campo per contrastare la ludopatia

Nello scenario nazionale, secondo alcuni studi, il Lazio ha una posizione di rilievo per quanto attiene al consumo di gioco d’azzardo e alla presenza di installazioni ad esso deputate

L’Azienda per i Servizi alla Persona della provincia di Frosinone ha approvato un bando per contrastare il fenomeno delle ludopatie. Si tratta di un avviso pubblico volto alla promozione e allo sviluppo di una rete integrata d’interventi di prevenzione e presa in carico di persone che hanno problemi con il gioco d’azzardo, un’iniziativa promossa dalla Regione Lazio, in collaborazione con le aziende pubbliche di servizi alla persona e il terzo settore. A disposizione, per l’organizzazione e la gestione della sperimentazione, un budget complessivo massimo di 200.000 euro.

L’assegnazione di tali fondi, suddivisi fra le varie imprese che ne faranno richiesta, avverrà in base a quanto stabilito nell’avviso pubblico. Possono partecipare i soggetti del terzo settore che manifestano la disponibilità a collaborare per la co-progettazione e la successiva sperimentazione d’interventi innovativi afferenti alla prevenzione e al contrasto delle patologie connesse al gioco d’azzardo patologico nel territorio della Ciociaria.

Le dichiarazioni di Gianfranco Pizzutelli

"Il nostro impegno – afferma Gianfranco Pizzutelli, presidente di Asp Frosinone – oltre ai servizi alla persona, è anche quello di costruire un’educazione alla legalità ed al contrasto del gioco d’azzardo”. Nello scenario nazionale, secondo alcuni studi, il Lazio ha una posizione di rilievo per quanto attiene al consumo di gioco d’azzardo e alla presenza di installazioni ad esso deputate: è al primo posto come diffusione delle sale bingo, insieme alla Campania e alla Sicilia, e si posiziona al terzo posto come diffusione degli apparecchi d’intrattenimento (New Slot e sale Video Lottery Terminal) dopo Lombardia e Campania. In questa nostra azione – prosegue Pizzutelli – un aspetto molto importante è rappresentato dal fatto che tale iniziativa, rispetto al passato, è pensata e organizzata in modo più organico, grazie al lavoro dell’Asp.

Un plauso va all’Assessore Alessandra Troncarelli, per l’iniziativa messa in campo e per il sostegno che costantemente fornisce all’ASP. Sulla questione c’è da dire che l’emergenza pandemica ha indotto i giocatori a rivolgersi al mondo del gioco a distanza che, infatti, nel corso del 2020 ha fatto registrare il sorpasso rispetto al gioco fisico in termini di raccolta. Un bando, come il nostro, finalizzato all’erogazione di contributi per il contrasto alle videolottery/slot machine, può fungere proprio da stimolo a ridurre il numero di luoghi deputati al gioco d’azzardo sul territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asp Frosinone, in campo per contrastare la ludopatia

FrosinoneToday è in caricamento