Attualità

La bocciofila a Ceccano non si ferma, nonostante tutto

La giornata trascorsa a Castel Sindici, tra sport, socializzazione, tradizione e natura, conferma le potenzialità che ha la città

Da qualche tempo ormai senza sede sul territorio di Ceccano, ma questo problema non scoraggia il circolo bocciofilo Badia Ceccano e il suo presidente, Antonio Del Brocco.

Domenica 6 settembre, la bocciofila ceccanese, associazione sportiva che vanta una storia trentennale di attività, ha organizzato un evento presso il parco del Castel Sindici, proponendo la specialità delle bocce alla francese, la cosiddetta Petanque.

Una giornata iniziata nella prima mattinata e conclusa nel pomeriggio di domenica, dedicata completamente alla pratica di tale disciplina. Un momento di sport e socialità, tra più giovani e meno giovani, tra anziani e bambini. Tante le persone che hanno assistito alle competizioni disputate sui campi ricavati all’interno del parco, situato nel pieno centro della città di Ceccano.

Come detto in precedenza, la storia della bocciofila ceccanese è ultra trentennale. Associazione presente ed attiva sul territorio da ormai 32 anni, che purtroppo si trova senza una sede dove svolgere l’attività per i propri soci e i propri tesserati. Una problematica che non ha di certo scoraggiato il presidente Antonio Del Brocco, sempre attivo nella ricerca di nuovo stimoli e nuove attività da proporre ai soci e agli appassionati.

Una pratica, quella delle bocce, tradizionale per la comunità ceccanese, come di tradizione la preparazione dei cesti in vimini; arte di artigianato presente nella manifestazione di domenica, grazie alla maestria di Nunzio Colonna, socio della bocciofila e tra gli ultimi depositari di una tradizione così caratteristica per la ciociaria.

Ad oggi l’attività della bocciofila Badia Ceccano continua grazie alla collaborazione con il circolo San Gerardo di Frosinone, che mette a disposizione le proprie strutture anche per i praticanti ceccanesi. La specialità presentata domenica, quella della petanque, apre un nuovo spazio anche per la pratica delle bocce ove non siano presenti strutture con campi attrezzati per la classica raffa.

La giornata trascorsa a Castel Sindici, tra sport, socializzazione, tradizione e natura, conferma le potenzialità che Ceccano offre. Basta solo poco impegno per valorizzarle al meglio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La bocciofila a Ceccano non si ferma, nonostante tutto

FrosinoneToday è in caricamento