rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Attualità

Campo Staffi e Campocatino si preparano per la nuova stagione con l’incognita dell’aumento dei costi energetici

A due mesi circa dall’auspicabile apertura degli impianti facciamo il punto della situazione

Neanche il tempo di fare il cambio di stagione negli armadi che è già è ora di pensare alla prossima stagione invernale sui campi da sci della Ciociaria. Una situazione che con l’aumento esponenziale dei costi dell’energia degli ultimi mesi rischia di diventare molto difficile sin dall’avvio e che ovviamente non riguarda solo la nostra amata provincia ma anche il resto d’Italia.

Mancano circa due mesi ai giorni in cui abitualmente comincia la stagione sciistica che di solito, dipende ovviamente dalle temperature e dalla neve caduta, coincidono con la festività dell’8 dicembre e che quest’anno cadendo di giovedì ha creato un bel ponte per gli appassionati della montagna invernale.

Nella provincia di Frosinone le due località sciistiche sono quelle di Campocatino e quella ancora più al nord di Campo Staffi. Località che seppur tra mille difficoltà la scorsa stagione sono state prese d’assalto da migliaia di turisti che anche quest’anno vorrebbero tornare a passare qualche ora di relax praticando anche dello sport all’aria aperta.

Facciamo il punto della situazione nelle due importanti stazioni sciistiche del Frusinate: a Campocatino l’amministrazione comunale sta lavorando ad un nuovo bando per l’assegnazione decennale degli impianti e speriamo che questa volta, al contrario dello scorso anno, arrivino proposte interessanti per far funzionare al meglio il tutto.

Salendo verso il nord della Ciociaria troviamo il complesso sciistico di Campo Staffi subito sopra Filettino e Trevi nel Lazio. Qui dallo scorso anno gli impianti sono stati presi in gestione dalla società Riccardo II di Filippo Coluccelli che in queste ore si è detto molto preoccupato, ovviamente, per gli aumenti del costo dell’energia elettrica. Una situazione che potrebbe portare ad una riduzione delle giornate complessive di apertura degli impianti di risalita. Località che tra qualche mese potrebbe essere scelta dalla Fisi per ospitare i campionati provinciali dei giovanissimi.

Insomma la buona volontà da parte dei soggetti interessati sembra esserci per far ripartire al meglio la nuova stagione invernale ma ovviamente bisognerà vedere anche le mosse del nuovo governo per ridurre il costo dell’energia elettrica che comunque andrà ad incidere sui costi complessivi di gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo Staffi e Campocatino si preparano per la nuova stagione con l’incognita dell’aumento dei costi energetici

FrosinoneToday è in caricamento