Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità

Carcere Frosinone, grido di allarme della Cgil: “situazione lavorativa disastrosa”

Dopo gli ultimi recenti fatti di cronaca con l’esplosione di alcuni colpi di pistola si torna a parlare del lavoro degli agenti

“La mattanza dei diritti continua” La Funzione Pubblica C.G.I.L. non intende stare in silenzio di fronte al continuo grido di aiuto, sofferenza e stress psicofisico che sta subendo la Polizia Penitenziaria all’interno delle mura del penitenziario di Frosinone.

A seguito dei gravi fatti del 19 settembre 2021- un detenuto che arma in pugno ha esploso dei colpi all’interno dell’istituto - si è sfiorato l’irreparabile. I vertici del sistema penitenziario - Spiegano in una nota Giovanni Salzano F.P. C.G.I.L. Frosinone e Latina e Ciro Di Domenico F.P. C.G.I.L. Roma e Lazio Coordinamento Penitenziario - dopo la visita a Frosinone, hanno toccato con mano la situazione disastrosa dell’istituto. I poliziotti che effettuano servizio nell’istituto ciociaro hanno ricevuto assicurazioni che da lì a poco sarebbe cambiata la loro condizione lavorativa che vivono ormai da più di un anno, ma tutto ciò non è ancora accaduto.

Gli spari all'interno del carcere

Anzi dopo la beffa, il danno: ad oggi si assiste ad un peggioramento della condizione lavorativa: il personale, infatti, effettua turni di lavoro di 16/18 ore e si è arrivati, addirittura, fino alle 22 ore continuative: episodio accaduto il giorno 24 settembre u.s. Tutto ciò è inaccettabile in un paese civile. Il nostro grido di allarme è rivolto a coloro che possono cambiare lo stato dei fatti: non c’è più tempo da attendere. La Funzione Pubblica C.G.I.L. ha già indetto manifestazioni davanti agli istituti della regione e dinanzi la sede del Ministero della Giustizia.

Si ribadisce la situazione critica del Lazio: gli istituti penitenziari della nostra regione presentano una carenza organica di circa 800 unità lavorative che si ripercuote, a pioggia, su tutti gli istituti. I poliziotti sono costretti a lavorare in condizioni di continua sofferenza, ma la situazione in atto al penitenziario di Frosinone è davvero al collasso e richiede interventi non più rinviabili di rafforzamento delle unità lavorative. Metteremo in campo tutte le azioni di lotta consentite per rimuovere ogni inerzia dell’Amministrazione centrale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Frosinone, grido di allarme della Cgil: “situazione lavorativa disastrosa”

FrosinoneToday è in caricamento