Attualità

Cassino, ecco cosa c’è dietro la vicenda del direttore Marandola al Consorzio Valle del Liri

In una lettera il commissario Casilli specifica quanto disposto dal giudice del lavoro

A distanza di qualche giorno torniamo a parlare della vicenda del direttore Remo Marandola al Consorzio Valle del Liri che abbiamo affrontato ad inizio del mese. Lo facciamo specificando i termini del ricorso vinto grazie ad una lettera di precisazioni che ci è giunta dal Commissario Straordinario Dott. Riccardo Casilli.

La lettera

“Egregio Direttore – si legge appunto nella missiva - nell'articolo "Cassino, Consorzio Valle Liri: il tribunale reintegra il direttore Remo Marandola", pubblicato su "FROSINONETODAY" in data 08.08.2018, sono riportate erronee affermazioni riguardo al disposto dell'ordinanza n.5998/2018 del 06.08.2018, con cui il Giudice del Lavoro di Cassino ha rigettato il ricorso del dott. Remo Marandola. In proposito si precisa che con il suddetto provvedimento non è stata disposta la revoca della sospensione cautelare del dipendente, né il reintegro dello stesso, e tantomeno è stato condannato l'Ente o il Commissario al pagamento al lavoratore delle mensilità arretrate, come erroneamente riportato nell'articolo che si contesta. Il Giudice del Lavoro, infatti si è limitato a rigettare il ricorso del dipendente avverso il provvedimento consortile di sospensione cautelare, disponendo la compensazione delle spese di giudizio tra le parti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, ecco cosa c’è dietro la vicenda del direttore Marandola al Consorzio Valle del Liri

FrosinoneToday è in caricamento