Cassino, la Lega Giovani va in pezzi: "Troppe new entry provenienti da Forza italia"

Tutti i componenti del coordinamento cittadino si sono dimessi spiegando i motivi in un documento al 'vetriolo'

Dimissioni del coordinamento cittadino della Lega Giovani Cassino e polemica al vetriolo contro i vertici provinciali e regionali. I ragazzi della Lega che in quest9 mesi si sono contraddistiti per spirito di iniziativa e tutela verso le fasce deboli, hanno gettato la spugna ma non senza spiegare i motivi di una decisione sofferta e ben ponderata.

Il documento

"Il responsabile cittadino della Lega Giovani Cassino e i membri del direttivo cittadino Alessandro Di Sano, Alessio Accardi, Alessio Di Cicco, Claudio Paliotta, Dennis Polisena, Rinaldo Masella e Carlo Borrea annunciano le dimissioni dal movimento giovanile della Lega. Una scelta difficile, sofferta ma determinata dall’insipienza e dalla inadeguatezza oltre che dall’incapacità politica della dirigenza regionale e provinciale della Lega. Premettendo che quasi tutte le iniziative di militanza politica della Lega a Cassino sono state organizzate e svolte dal gruppo della Lega Giovani Cassino, dalle raccolte firma, alle raccolte giocattoli per i bambini bisognosi, alle segnalazioni di problematiche territoriali, ad azioni di sensibilizzazione territoriale e sociale, alle proposte presentate all’amministrazione, ecc; siamo giunti ad una triste decisione notando l’immobilismo politico del partito sul territorio che sta pian piano perdendo gli storici militanti della Lega e di Noi con Salvini per imbarcare sempre più moderati e già noti politici provenienti da esperienze politiche lontane dal pensiero sovranista".

Gestione inadeguata

"Abbiamo assistito ad una pessima gestione provinciale della Lega che ha portato il partito ha sfiduciare un sindaco di centrodestra per poi tornare di nuovo a sostenere un sindaco di centrodestra non leghista. Nello stesso periodo abbiamo visto commissariare il direttivo cittadino della Lega ad una settimana dalla presentazione della lista per poi vederla formata da persone avvicinate all’ultimo momento e provenienti da altre esperienze politiche. Avevamo una sede sempre aperta, luogo di aggregazione che permetteva a diversi ragazzi e ragazze di frequentare la vita politica del partito, di discutere e ragionare insieme proposte e soluzioni per il territorio. Anche questa è stata chiusa e non più riaperta. Ad un anno dalla sostituzione del vecchio coordinamento locale della Lega, non è mai stato formalizzato nessun nuovo direttivo cittadino e nessun incontro pubblico è stato realizzato se non quello della Lega Giovani Cassino svoltosi nei primi giorni dello scorso dicembre. Ogni giorno sentiamo amici e sostenitori amareggiati dalla pessima gestione del partito nel cassinate, sentono l’assenza politica sul territorio dei parlamentari eletti in Ciociaria." 

La Tav e Abbruzzese

"Non possiamo dimenticare che proprio la Lega a livello provinciale e regionale si è detta contraria ad una stazione Tav a Cassino. Ancora oggi crediamo nei valori e nelle battaglie portate avanti da Salvini, siamo sovranisti e continueremo sempre a lottare per quelle idee ma siamo impossibilitati a proseguire il nostro attivismo in un partito che a livello territoriale non fa della militanza un baluardo.
La responsabilità non può essere sempre degli altri, in due anni tutti i commissari provinciali, amici storici della Lega sono andati via, ed ogni giorno altri abbandonano la Lega che, invece, si sta man mano trasformando come succursale corrente della Forza Italia di Abbruzzese.Sono andati via tutti i candidati della lista della Lega alle passate elezioni regionali 2018".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello a Salvini

"Se Salvini non si chiede cosa sia successo in Ciociaria dimostra non rispettare il nostro territorio.
I giovani che hanno condiviso questo percorso escono insieme al nostro direttivo, dispiaciuti ma forti e sereni di aver fatto il nostro dovere fino in fondo ed i risultati che abbiamo portato alla nostra responsabile provinciale Maria Veronica Rossi sono una testimonianza insieme alle tante iniziative che abbiamo realizzato sul territorio di Cassino".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento