La storia di Lorenzo 'calciatore-prodigio' stoppato dalla malattia (video)

L'intera città di Cassino si è mobilitata per aiutare il bimbo di sette anni affetto da un grave morbo e da un mese ricoverato al 'Gaslini' di Genova. Operato due volte in quattro giorni. Raccolti in poche ore quasi 8mila euro

Lorenzo Comarca

Una malattia rara al colon sta rendendo la vita difficile di un bimbo di appena sette anni, Lorenzo Comarca. Il piccolo, nato e residente a Cassino in provincia di Frosinone, da un mese lotta contro un grave morbo che lo ha portato ad essere operato per ben due volte negli ultimi quattro giorni. Promessa del calcio e tifoso della Juventus, Lorenzo è ricoverato presso l'ospedale pediatrico 'Giannina Gaslini' di Genova. Accanto a lui i genitori Benedetto Comarca e Veronica Pace. Ultimo di tre figli, Lorenzino è la gioia di casa e mamma e papà stanno facendo il possibile, unitamente ai medici e gli infermieri dell'ospedale ligure, per potergli restituire la serenità.

La generosità

E la città natia, Cassino, si è stretta tutta attorno a questo piccolo nucleo familiare. Per dar loro sostegno morale ed anche economico. Benedetto e Veronica, infatti, sono venditori ambulanti di panini e con la quarantena il lavoro si è fermato e le feste di paese sono state tutte annullate. Anche se i due giovani non hanno chiesto aiuto economico, l genitori dei compagni di scuola di Lorenzo coordinati da Marina Marsella, il bimbo frequenta la seconda E della primaria 'Enzo Mattei', unitamente alle insegnanti ed alla parrocchia di Sant'Antonio da Padova, con padre Francesco Vennitti e don Benedetto Minchella, hanno dato dato vita ad una raccolta fondi che in poche ore ha superato gli ottomila euro.

La maratona social

Questo anche grazie alla generosità di Carmelo Midolo (che ha dato vita alla pagina su GoFundMe) ed alla professionalità del videomaker Giorgio Pistoia che attraverso il suo programma Tankuf, sulla omonima pagina social, ha dato vita ad un evento chiamato 'Maratona per Lorenzo'. Tre ore di interventi, telefonate e la testimonianza dal vivo della madre del bimbo. A parlare ai microfoni e donare somme sono stati tra gli altri l'ex sindaco Giuseppe Golini Petrarcone, il consigliere di minoranza Massimiliano Mignanelli, imprenditori e rappresentanti delle Istituzioni.  

Un sogno chiamato 'Dybala'

Il bambino, calciatore prodigio conteso da diverse squadre locali, ha un sogno: incontrare il suo mito, il numero 10 della Juventus, Dybala. E anche su questo la città si sta mobilitando. Del resto al 'Gaslini' di Genova la squadra bianconera è di casa e magari, perché no, il sogno di Lorenzo potrebbe divenire realtà, basta crederci e sperare. Lorenzo ha chiamato, Cassino ha risposto. Viva la speranza. Viva la generosità. Viva tutti i bambini del mondo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento