Attualità Cassino

Cassino, "mala movida": interviene Laura Fasili dell'Ascom

"Il problema non può essere risolto, esclusivamente, con interventi punitivi. Dobbiamo costruire un percorso per far vivere la città a giovani e famiglie in modo sano"

Lettera aperta della delegata alle tematiche dei Pubblici Esercizi dell’Ascom Confcommercio Lazio Sud di Cassino Laura Fasili sul fenomeno della “mala movida”. 

Aggregazione e condivisione per risolvere il problema

“Riteniamo non condivisibile l’intervento repressivo delle forze dell’ordine contro la “mala movida”, fenomeno certamente problematico, che, però, non può essere risolto, esclusivamente, con interventi “punitivi”, semmai con la costruzione di forme di socialità alternativa, basata su spazi che consentano aggregazione e condivisione fra i giovani e che combattano la concezione che si sta radicando fra tanti giovani per cui, per divertirsi, bisogna necessariamente ubriacarsi e fare uso di sostanze stupefacenti. I nostri giovani i cui problemi, come giustamente afferma il responsabile di Exodus Luigi Maccaro, siamo noi.

L'effetto lesivo della "pubblicità"

A ciò s’aggiunga che, la forte concentrazione di articoli di stampa per cui Cassino sarebbe nota solo per essere il “centro” dello spaccio di stupefacenti, la città dello “sballo” e nient’altro, produce e sta producendo un effetto lesivo dell’immagine della città stessa e, per conseguenza, sta determinando un notevole declino dell’economia della città martire. Un danno notevole che penalizza tanti operatori che, nel rispetto delle norme e del buon senso, lavorano per dare i migliori servizi possibili a tanti giovani e altre persone che vogliono soltanto vivere in modo sano la città. Giovani che hanno bisogno di spazi e strutture per loro, di politiche concrete e rispettose che sappiano correttamente recepire le loro idee ed esigenze.

Dialogo e confronto con le Istituzioni

Ascom Confcommercio Lazio Sud di Cassino, è dalla parte degli operatori che rispettano le regole e che ritengono necessario costruire un dialogo e un confronto permanente con le Istituzioni, le forze di polizia, le scuole e le famiglie di Cassino. Per questo, nei prossimi giorni, chiederemo di incontrarci con il Sindaco di Cassino Ing. Carlo Maria D’Alessandro e con le forze di Polizia, con i quotidiani locali, etc. per costruire, insieme, un percorso che consenta, nel rispetto delle regole e del buon senso, di far vivere la città di Cassino a giovani e famiglie in modo sano”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, "mala movida": interviene Laura Fasili dell'Ascom

FrosinoneToday è in caricamento