rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Contro l'invasione dei cinghiali / Cassino

Cassino, mandato di cattura dei cinghiali: “Proliferazione agevolata da cibo e umido messi a terra”

Salera riunisce i vertici dell’Ambito territoriale di caccia (Atc) ed emana una nuova ordinanza volta al contenimento della discesa degli ungulati in centro ma anche al contrasto del “comportamento errato di alcuni cittadini che forniscono loro alimenti”

Il sindaco Enzo Salera, dopo aver riunito presidente, direttore e rappresentante locale dell’Ambito territoriale di caccia (Atc), ha concordato l’emanazione di una nuova ordinanza di cattura dei cinghiali che stanno ormai invadendo il centro. Parte altresì l’appello alla cittadinanza “a non mettere del cibo che attrae i cinghiali, come pure distanziare da terra i cassonetti dell’umido”.

Esaminata la situazione con Alessandro Filippi, Tullio Fabrizio e Daniela Iovine, nell’ordine, il primo cittadino ha dato il via al piano di contenimento degli ungulati affinché vengano riposizionati in recinti autorizzati.

A seguito degli analoghi provvedimenti contingibili e urgenti presi lo scorso 9 settembre, anticipati da appositi incontri, ne scattano altri notificati Prefettura, all’Atc, all’Ada regionale (Area decentrata agricoltura, caccia e pesca), al Comando della Polizia Locale, al Comando della stazione dei Carabinieri, al Commissariato di pubblica sicurezza e al Comando della Polizia provinciale.

L'incontro del sindaco Salera con i vertici dell'Ambito territoriale di caccia-2

Non dare da mangiare ai cinghiali

In un passo dell’ordinanza si precisa che “l’attrazione di questi animali selvatici in città potrebbe essere oltremodo incentivata anche dal comportamento errato di alcuni cittadini che, contravvenendo alle norme vigenti, forniscono loro alimenti, avvicinandoli così in modo permanente alle case, data la disponibilità di cibo e, di conseguenza, agevolandone la proliferazione”.

Dal Palazzo municipale, infine, ricordano che “il Sindaco, riguardo al problema dei cinghiali, per quanto di sua spettanza, si è sempre attivato sia nei confronti della Regione che chiamando a raccolta chi ha competenze e mezzi per intervenire”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, mandato di cattura dei cinghiali: “Proliferazione agevolata da cibo e umido messi a terra”

FrosinoneToday è in caricamento