menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassino, parte il progetto degli orti urbani

L’ “orto urbano” è una porzione di terreno pubblico concesso a titolo temporaneo per la coltivazione di ortaggi, piccoli frutti e fiori, ad uso del cittadino concessionario

La Giunta comunale di Cassino ha approvato l’atto di indirizzo per la realizzazione di “orti urbani” sul territorio comunale. Sulla pagina social del sindaco Enzo Salera si legge la sua soddisfazione:

"Abbiamo pensato a questo progetto per favorire nuove esperienze sociali collettive che possano migliorare le relazioni umane nonché riqualificare aree verdi cittadine, creare occasioni di formazione, offrire mezzi di sussistenza alternativi. Una esperienza che in altri comuni ha consentito la riqualificazione di aree verdi cittadine e nel contempo la creazione di nuove competenze e di occasioni di autosussistenza. Gli “orti urbani” consentono anche di offrire ai bambini in età scolare ed ai diversamente abili la possibilità di scoprire e consolidare la conoscenza della natura e dei suoi cicli vitali.

L’ “orto urbano” è una porzione di terreno pubblico concesso a titolo temporaneo per la coltivazione di ortaggi, piccoli frutti e fiori, ad uso del cittadino concessionario, secondo le modalità previste da apposita concessione. La concessione delle aree sarà temporanea (preferibilmente per un periodo di tre anni, prorogabili) ed a titolo gratuito. Il Comune di Cassino ha diverse aree che possono essere date in comodato gratuito a soggetti privati per tal fine.

La coltivazione di terreni senza scopi di lucro favorisce sia la riqualificazione del territorio, sia la partecipazione dei cittadini alla vita collettiva. Da qui l’intento dell’Amministrazione e dell'Assessore Emiliano Venturi, promotore del progetto, è quello di procedere alla sperimentazione degli “orti urbani” attraverso la selezione per avviso pubblico di un progetto pilota. Il proponente deve essere un’associazione culturale o un ente del Terzo Settore costituito da almeno cinque anni, con sede legale nel Comune di Cassino ed il cui statuto deve però prevedere il perseguimento di finalità attinenti a quella oggetto dell’atto di indirizzo della delibera di giunta di cui sopra.

Una città che cambia, lo fa grazie a questi piccoli, grandi segnali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento