menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo sfogo di Di Mambro: "Inaccettabile che i malati oncologici non siano stati inseriti tra i soggetti vulnerabili"

Dopo l’annuncio, della partenza delle prenotazioni per le vaccinazioni dei soggetti fragili, centinaia di persone hanno telefonato ai medici, oppure alle proprie strutture ospedaliere, che seguono le loro patologie, e tutti si sono sentiti dire che non c’è nessuna direttiva per i malati oncologici con esenzione 048

"È inaccettabile. Quello che sta succedendo in questi giorni con le prenotazioni dei vaccini, per le persone fragili, è una presa in giro soprattutto nei confronti dei malati oncologici". Questo l'incipit dello sfogo postato in rete dall'ex consigliere comunale di Cassino Carmine Di Mambro che poi prosegue:

Sono tutti bravi, gli organi competenti, a fare propaganda di diversa natura, con annunci poco veritieri. Peccato che poi, nel momento in cui dovete dimostrare con i fatti (vaccinazioni Covid-19) di tutelare tutte le persone fragili, vi dimenticate dei malati oncologici con esenzione 048. Non potete falsamente scrivere che finalmente tutti i soggetti estremamente vulnerabili potranno sottoporsi alla vaccinazione e così come individuati dal piano vaccini del Ministero della Salute, (All. 3 della Circolare del Ministero della Salute del 9 febbraio 2021)’ perché mentite spudoratamente come si evince dal BURL n.15 della regione Lazio dove sono totalmente assenti i codici riservati ai malati oncologici!

Dopo l’annuncio, della partenza delle prenotazioni per le vaccinazioni dei soggetti fragili, centinaia di persone hanno telefonato ai medici, oppure alle proprie strutture ospedaliere, che seguono le loro patologie, e tutti si sono sentiti dire che non c’è nessuna direttiva per i malati oncologici con esenzione 048. È vergognoso!

È ora che chi siede in regione Lazio, parlo soprattutto dei consiglieri regionali, facciano subito tutto quello che è possibile e necessario, affinché si ristabilisca la realtà dei fatti e si faccia capire tutta la disorganizzazione che c’è nel gestire certe tematiche fragili.

Ci vuole rispetto nei confronti di migliaia di malati oncoligici che, ogni giorno (soprattutto negli ultimi 12 mesi), combattono per la loro sopravvivenza contro una pandemia chiamata Covid-19 e un virus chiamato incompetenza. Ai posteri ardua sentenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento