Cassino, scuole senza banchi, la difficile riapertura degli istituti superiori

All'Itis in 700 sono rimasti in piedi mentre per le elementari tutto è ancora un'incognita. Le parole del sindaco Salera e la lettera-denuncia della Carnevale. Il mistero della 'Pio Di Meo'

Primo giorno di scuola da dimenticare quello di ieri per centinaia di studenti delle scuole superiori a Cassino. Perchè i banchi, di cui si è parlato per mesi, non sono arrivati in numero sufficente. All'Itis per esempio su 900 studenti solo in 200 hanno potuto svolgere lezione seduti in maniera regolare. Tutti gli altri e 700 hanno dovuto 'arrangiarsi'. E ad intervenire sulla questione scuola è stato anche il sindaco Enzo Salera.

L'augurio di Salera

"Tra mascherine e banchi che non arrivano, tra la preoccupazione dei dirigenti scolastici, dei professori e del personale scolastico per fare rispettare le distanze ai ragazzi, senza dimenticare il pensiero fisso di tutti i genitori, a cui mi iscrivo di diritto anche io. Le scuole superiori hanno riaperto oggi, mentre i ragazzi più piccoli e i bambini rientreranno a Cassino il 24 settembre, anche a causa delle elezioni. Questo ritorno a scuola dopo oltre 6 mesi è un momento che i ragazzi ricorderanno per sempre per le modalità così complesse che si troveranno ad affrontare e per lo stato d'animo, sicuramente diverso dagli altri anni, con cui le affronteranno".

La denuncia

Più battagliera invece Paola Carnevale segretario della Lega-Cassino. “Mancano dieci giorni alla riapertura delle scuole elementari e medie e, a Cassino, l’unica sicurezza è il caos che continua a regnare. In questi mesi l’amministrazione Salera non è stata in grado di pianificare una riapertura che garantisca tutti i termini di sicurezza. Da indiscrezioni che stanno circolando in queste ore pare che il caso più eclatante sia quello della scuola “Di Meo” dove si è in affanno nella ricerca di aule idonee ad ospitare i ragazzi. Tutto questo è inaccettabile considerando che c’è stata una intera estate per riuscire a pianificare tutto, è inconcepibile che possano esserci ragazzi che potrebbero non tornare a scuola solo a causa di mancanze istituzionali. Mi auguro che entro il 24 settembre si riesca a risolvere la situazione e che tutti i nostri ragazzi possano tornare, in sicurezza, sui banchi di scuola. Infine invito l’amministrazione a garantire la presenza dei vigili o di altre forze di polizia alla riapertura degli istituti per evitare assembramenti, cosa che oggi, alla riapertura delle superiori, non è stato garantito".

Il servizio mensa

"Credo inoltre che l'Amministrazione debba vigilare anche sui servizi legati alla somministrazione dei pasti. Serve un controllo stringente sulle misure igieniche, la pulizia e la disinfezione, per i locali e naturalmente per il personale. Fondamentale un microclima idoneo negli ambienti e certezze sanitarie su chi manipola e distribuisce il cibo. Capitolo a parte merita poi la sicurezza sugli alimenti. Siamo certi che l'Amministrazione sul punto abbia delle certezze, ma noi, comunque, vogliamo ricordarlo”. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rettifica dell'Itis

In relazione a quanto scritto nell'articolo pubblicato dalla Vs testata e rilevando una serie di inesattezze si puntualizza quanto segue:
1.  Solo  in 8 classi delle 55 presenti in istituto mancano i banchi monoposto. Le 8 classi sono situate nella sede del triennio.
2. Gli alunni di queste classi (ovviamente non 700 come da voi riportato nell’articolo giornalistico)  seguono le lezioni in aule luminose e capienti che rispondono alle recenti normative antiCovid,  previste dai DPCM ministeriali, e hanno a loro disposizione delle sedie  (non sono in piedi per 5 ore) ed opportunamente distanziati.
3. La provincia, a seguito delle continue richieste del dirigente scolastico e dell'ulteriore recente sollecito, ha assicurato che nel giro di un paio di giorni - presumibilmente entro il fine settimana -  procederà alla consegna dei banchi monoposto mancanti.
4. La mancanza dei banchi in questione è da attribuire alla necessità di aver dovuto riconvertire i banchi biposto per uso singolo con improvvisa riduzione della loro disponibilità. Tuttavia, questa situazione è stata immediatamente comunicata all’amministrazione centrale a tempo debito per gli opportuni interventi i cui esiti la presidenza non risulta responsabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Il cuore di Willy spaccato a metà dalle troppe botte. Tre indagati per omissione di soccorso

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" in Ciociaria, ecco chi è probabilmente in gara

  • Coronavirus, più tamponi e ben 31 casi in Ciociaria. D'Amato: 'Mantenere alta l'attenzione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento