Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità Ceccano

Lazio Pride 2022, Ceccano in corsa per ospitare la sesta edizione: è sfida con Viterbo e Albano Laziale

Votazione via social fino al 15 ottobre 2021. Il comune ciociaro, candidato da IndieGesta, Stonewall Frosinone-Arcigay e Agedo Basso Lazio, è per ora secondo. In caso di successo, sarebbe la seconda tappa in Ciociaria dopo quella del 2019 nel Capoluogo

Ceccano è candidata ad ospitare il Lazio Pride 2022. Dopo il ritiro in vista dell’edizione 2021, che l’associazione proponente IndieGesta aveva disposto a favore della “spaccata” Rieti, il sodalizio fabraterno ha riproposto il comune ciociaro assieme all’organizzazione Stonewall Frosinone-Arcigay e all’Agedo Basso Lazio (Associazione di volontariato di genitori, parenti e amici di persone Lgbt+).

In caso di selezione, si tratterebbe della seconda manifestazione regionale per i diritti Lgbt (Lesbiche, gay, bisessuali e transgender) in Ciociaria dopo la tappa registrata nel 2019 nel Capoluogo e anch’essa foriera di polemiche.   

Per la sesta edizione dell’evento arcobaleno Ceccano è in sfida con Viterbo e Albano Laziale. La votazione è stata aperta ieri – in occasione della giornata internazionale "Coming out day" – sui più noti social network (Facebook, Instagram, Twitter e Tik Tok di Lazio Pride) e si concluderà alla mezzanotte di venerdì 15 ottobre 2021.

Per ora, in base alla somma dei voti espressi, la classifica provvisoria vede Viterbo in testa (6 punti), Ceccano seconda (4) e Albano Laziale terza (2). Per votare Ceccano bisogna mettere un cuore come reaction all’apposito post social pubblicato da Lazio Pride.

Dai promotori agli antagonisti del Lazio Pride a Ceccano

“Con gli amici di Stonewall Frosinone - Associazione Arcigay e Agedo Basso Lazio - posta, intanto, IndieGesta - abbiamo riconfermato la nostra volontà di dare un movimento concreto a quel forte segnale di inclusione che la nostra terra merita, che tutta la nostra società merita. La libertà e l'orgoglio di amare ed essere sé stessi sono valori da difendere, sostenere e valorizzare con ogni mezzo a disposizione... e il Pride è uno di questi!”.

“Vi chiediamo di darci una mano, il Pride è festa ma anche Liberazione - si aggancia Stonewall Frosinone-Arcigay - Una liberazione di cui abbiamo davvero bisogno in questo territorio e anche a Ceccano dove abbiamo visto addirittura raccogliere le firme contro il Ddl che si occupa di omolesbobitransfobia, misoginia e abilismo”.

La raccolta firme contro il noto Ddl Zan, il cui promotore è stato ospite di Frosinone giovedì scorso per presentare il suo libro ““Senza Paura. La nostra battaglia contro l’odio”, è stata principalmente promossa tre mesi fa da Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale. A Ceccano, intanto, non mancano polemiche a fronte dei voti dati da numerosi ceccanesi a Viterbo e Albano Laziale per far perdere la propria città. Li definisce “veramente ridicoli”, sotto al post per la votazione, la già candidata sindaca di centrosinistra e consigliera di opposizione Emanuela Piroli.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lazio Pride 2022, Ceccano in corsa per ospitare la sesta edizione: è sfida con Viterbo e Albano Laziale

FrosinoneToday è in caricamento