Ceccano, ecco la data di fine-lavori per la Rems definitiva e il destino di quella provvisoria

In uno degli ultimi decreti commissariali del Governatore del Lazio Zingaretti, il giorno in cui sarà terminata la permanente “Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza” nella cittadina ciociara e la ridestinazione della struttura “part-time”

L'area, prima occupata dall'ex ospedale, in cui sorgerà la Rems definitiva di Ceccano

La chiusura per i lavori della Rems definitiva di Ceccano è stata fissata per il 31 maggio 2021 e, non appena sarà operativa, quella provvisoria sarà riconvertita nella versione “attenuata” o in una struttura residenziale per pazienti psichiatrici. È quanto si apprende dal più recente Decreto del Commissario ad acta per la sanità regionale, il Governatore Nicola Zingaretti, sul processo di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg).

In generale, si tratta uno dei suoi residui provvedimenti nella veste di delegato statale all’attuazione del piano di rientro dal disavanzo in materia sanitaria, visto che lo scorso 21 gennaio ha annunciato che “in Giunta regionale è stato votato l’ultimo atto amministrativo per uscire dal commissariamento”. Quello che, pesando sulle tasche dei cittadini, ha visto ridurre il debito della sanità laziale dai circa 669 milioni del 2013 agli attuali 13 milioni.  

Nello specifico, invece, il succitato “Decreto supera-Opg” è il nono della serie iniziata nell’ormai lontano 2013. Tra una rettifica e l’altra, con inevitabili dilazioni al seguito, sono state sinora due le tappe fondamentali sul territorio ceccanese: l’inaugurazione della Rems provvisoria di Via Marano (5 novembre 2015) e la demolizione del vergognoso ospedale incompiuto di Viale Fabrateria Vetus (19 agosto 2019).    

La Rems provvisoria

Costata 1.600.000 euro, la temporanea “Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza” (verso autori di reato affetti da disturbi mentali) era stata realizzata nei pressi del già manicomio e ospedale “Santa Maria della Pietà” (dal 18 dicembre 2017 Casa della Salute), in attesa dell’edificazione di quella definitiva.

Rems provvisoria Ceccano-2

Da allora il destino della Rems provvisoria è stato alquanto incerto, dato che era stato previsto che non sarebbe stata più una comunità terapeutica a supporto di quella permanente e futura, bensì ridestinata alle esigenze della Asl di Frosinone, previo parere del Comune di Ceccano. Ora, invece, è stato deciso che potrà essere trasformata in una Rems attenuata o una Struttura Residenziale Psichiatrica. Dovrebbe ospitare, pertanto, due tipologie di pazienti.

Da un lato, “i pazienti già accolti in Rems in misura detentiva, quindi stabilizzati sul piano psicopatologico - recita l’ultimo Decreto di Zingaretti – per avviarli ad un programma riabilitativo che preluda ad un futuro inserimento o in ambiente residenziale tipo SRTR/SRSR (Terapeutico Riabilitativo/Socio Riabilitativo, ndr) o in altre strutture che il DSM (Dipartimento Salute Mentale, ndr) competente riterrà adeguate”.

Dall’altro lato, “i pazienti già accolti in strutture residenziali territoriali - si legge ancora - che per varie ragioni abbiano subito l’aggravamento della misura di sicurezza, ma che potrebbero in qualche maniera risentire negativamente sul piano psicosociale dell’impatto con una struttura più contenitiva come la Rems”.

La Rems definitiva

In base al cronoprogramma di attuazione degli interventi, inviato al Ministero della Salute un anno fa per l’attivazione dei relativi finanziamenti, i due moduli da 20 posti e 10.638 metri cubi in Viale Fabrateria Vetus dovrebbero essere pronti (il condizionale è d’obbligo) il 31 maggio 2021 al costo totale di 6.200.000 euro.

Ex ospedale di Ceccano in fase di demolizione-3

Tra un anno e quattro mesi, salvo ulteriori slittamenti, la Rems definitiva prenderà così il posto dell’ormai ex “Monumento al degrado” di Ceccano, il mai finito “mostro” di cemento che tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Ottanta costò oltre 8 miliardi delle vecchie lire, invece di uno, quello sprecato dall’impresa edile collegata alla famiglia mafiosa dei Cuntrera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento