rotate-mobile
Attualità Ceccano

Ceccano, l'isola che (non) c'è e i parchi giochi inagibili

Mancanza di manutenzione e gestione tra le lamentele dei cittadini

I parchi giochi sono spazi vitali per la crescita e il divertimento dei giovani, ma a Ceccano (Frosinone), la situazione sembra essere ben lontana da questa visione. Cittadini preoccupati hanno sollevato la questione della mancanza di manutenzione e del cattivo stato delle strutture ricreative destinate ai bambini della comunità.

Nel parco giochi situato in Piazza Bachelet, vicino alla zona pretura, le cose sembrano essere particolarmente problematiche. "L'isola che c'è. La città delle ragazze e dei ragazzi", sembra aver perso gran parte del suo fascino a causa di ben due giochi distrutti e uno inagibile. Questa situazione non solo priva i bambini di un ambiente sicuro e stimolante, ma solleva anche interrogativi sulla responsabilità dell'amministrazione locale.

Un altro parco giochi, in Via G. di Vittorio, è oggetto di una scoraggiante situazione. Giochi che sono diventati completamente inutilizzabili da mesi hanno sollevato domande sulla manutenzione e l'efficienza dei processi che dovrebbero garantire il loro funzionamento ottimale.

La situazione non è migliore per il parco giochi in Via Gaeta, dove i giochi sembrano essere scomparsi quasi del tutto. Questo scenario porta alla luce ulteriori preoccupazioni sulla gestione e la vigilanza delle strutture pubbliche destinate ai bambini.

I cittadini riflettono sul fatto che questi parchi giochi sono stati realizzati da amministrazioni precedenti, sottolineando il bisogno di una riflessione più approfondita sull'attuale gestione delle risorse comunali. "A Caligiore ed accoliti vogliamo ricordare che questi parchi giochi sono stati realizzati da 'quelli di prima', da Ciotoli Sindaco e Terenzi Assessore, quelli che loro tanto sconfessano ma da cui avrebbero tanto da imparare!" si legge nelle parole dei cittadini.

La comunità si sta mobilitando, chiedendo un intervento urgente e concreto. C'è un appello diretto all'amministrazione guidata da Caligiore affinché dedichi tempo ed energie a ripristinare la vitalità di questi spazi per i bambini ceccanesi. "A Caligiore e strumtruppen al seguito vogliamo anche dire che questi parchi giochi sono un bene di Ceccano, e della comunità Ceccanese, e vorremmo che dedicassero un po' di tempo a pensare come renderli di nuovo fruibili ai bambini ceccanesi..." affermano i cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceccano, l'isola che (non) c'è e i parchi giochi inagibili

FrosinoneToday è in caricamento