Attualità

Ceccano, grande attesa per la convalida del primo corso di alta formazione in Food Design al mondo

Il Ministero deciderà dopo il 18 giugno. L’ex Mediateca comunale è pronta a ospitare l’innovativo corso universitario in progettazione del cibo, da attivare tramite l’Accademia di Belle Arti di Frosinone

La foto di gruppo dopo la presentazione del corso di alta formazione in Food Design

Venerdì 18 giugno 2021 verrà chiusa la piattaforma utilizzata dal Ministero dell’Università per la convalida dei corsi di sua competenza. Grande l’attesa a Ceccano rispetto all’approvazione del corso di alta formazione in Food Design. In caso di avallo, il nuovo percorso universitario dell’Accademia di Belle Arti, da attivare nell’ex Mediateca comunale della cittadina ciociara, sarà il primo al mondo nella progettazione del cibo. A parte i Master per i laureati, infatti, nessun ateneo propone un percorso del genere per i diplomati.  

L’amministrazione comunale, nel frattempo, ha sottoscritto un apposito protocollo d’intesa con l’Accademia e il locale Istituto Alberghiero. E nelle scorse ore si è svolta la conferenza stampa di presentazione del corso in Food Design, il cui piano di studi è stato per l’appunto inserito nella suddetta piattaforma ministeriale. Si tratta di un progetto ideato dai designer Claudio Vagnoni e Giulio Angelini e curato dagli assessori comunali Stefano Gizzi (Cultura) e Mario Sodani (Pubblica istruzione e Università) in sinergia con l’illustre food designer Sonia Massari.

Presente in occasione del lancio, oltre al sindaco Roberto Caligiore, anche la preside dell’Alberghiero di Ceccano Alessandra Nardoni, dirigente ad interim altresì dell’Istituto Agrario di Frosinone. Con lei il responsabile dell'Ipsseoa Domenica Crocca. Alberghieri e Agrari sono le principali scuole che potrebbero proiettare i propri studenti verso tale formazione professionalizzante. 

Alla presentazione, per via di impegni pregressi, non hanno potuto presenziare la direttrice dell’Accademia Loredana Rea e l’architetto Alfonso Giancotti. Quest’ultimo curò la passata riconversione dell’ex Mediateca di via San Francesco, che attende da anni di essere riqualificato, in Polo didattico delle arti visive. Una grande occasione di rilancio, dunque, per il contenitore lungofiume che nacque nel 2005 all’interno della Cartiera Savoni grazie a un finanziamento comunitario di ben sette miliardi di euro.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceccano, grande attesa per la convalida del primo corso di alta formazione in Food Design al mondo

FrosinoneToday è in caricamento