Cervaro, ambiente, verde pubblico e culto religioso grazie ai fondi regionali

L'avvocato Otello Zambardi a capo di un gruppo civico illustra i tanti benefici che potrebbero essere apportati in paese

Nuova opportunità di sviluppo per Cervaro seguendo una revisione organica dell’intero comparto urbanistico con la L. R. 18/07/2017 n.7, denominata "Disposizioni per la rigenerazione urbana e per il recupero edilizio". Secondo il Legislatore Regionale “il programma deve avere i caratteri di un progetto urbanistico unitario, volto a rigenerare l’assetto urbanistico anche edilizio di una determinata porzione urbana”.

La proposta

Il Gruppo Cervaro in Comune ritiene che al centro dell’intero disegno di riqualificazione del territorio deve esservi una particolare attenzione per la tutela dell’ambiente ed in particolare per il “verde pubblico”. Nel concreto, è necessaria la riqualificazione dei giardini comunali esistenti al centro della Città di Cervaro e la creazione di nuovi “spazi verdi” di aggregazione sociale nelle frazioni (Santa Lucia, Porchio, Pastenelle, Foresta, Sprumaro-Colle di Fionda). "La brevità del presente scritto non  rende l’idea della complessità e dei tanti problemi del comparto urbanistico, che va incentivato con interventi mirati sia per la parte pubblica che per il miglioramento dell’edilizia privata, ma formula degli spunti programmatici che tengano conto della cura e del rispetto dell’ambiente - spiega Otello Zambari a capo del gruppo civico -. In questo senso la Legge sulla Rigenerazione urbana è importante perché offre la possibilità di recuperare e valorizzare le zone con forte degrado, oltre a migliorare il patrimonio edilizio esistente, sia nel Centro storico di Cervaro che nelle contrade, attingendo eventualmente a tutti i finanziamenti necessari".

Il culto religioso

"Non meno importante dovranno essere i progetti per il miglioramento e lo sviluppo dell’intera area del Santuario Diocesano Maria S.S. De’ Piternis e la riqualificazione della zona Casilina con il Palazzetto dello Sport, integrandolo con le attività commerciali esistenti e consentendo nuove attività commerciali ed artigianali per accrescere eventuali sbocchi occupazionali. Infine, sarà opportuno ottimizzare il sistema territoriale urbanistico con misure di semplificazione del procedimento amministrativo ed un grande aiuto in tal senso potrà essere assicurato dall’informatizzazione integrata degli uffici Comunali con programmi altamente specializzati e personale qualificato o da riqualificare. Queste sono solo alcune ipotesi di lavoro che dovranno essere ampliate.
La Legge Regionale prevede anche interventi per l’efficientamento energetico ed il miglioramento sismico. Una collaborazione importante dovrà pervenire da tutti i tecnici della nostra città i quali conoscono le esigenze e le problematiche dell’intero territorio. In conclusione, dobbiamo aver cura dell’ambiente in cui viviamo, con la consapevolezza che la nostra cultura ci aiuterà a perseguire un miglioramento delle condizioni di vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento