Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus, ristoratore dona cento chili di viveri ai poveri di Cassino

A far consegnare le derrate alimentari alla parrocchia di Sant'Antonio è stato Salvatore Fontana: "E' un momento difficilissimo ma chi può deve aiutare chi non ha nulla"

"Nessuno deve restare senza cibo. E chi ha di più deve sostenere chi non ha nulla. Per questo nonostante stia vivendo, come tutti i ristoratori, un momento difficilissimo, ho voluto donare generi alimentari a chi soffre più di me". Un furgoncino carico di derrate alimentari, oltre cento chili tra pasta, riso, olio, passa di pomodoro e tanti altri prodotti, ha sostato a lungo davanti la parrocchia di Sant'Antonio a Cassino.

A regalare il tutto è stato Salvatore Fontana, ristoratore e consigliere comunale di opposizione al comune di Cassino. Padre Francesco Vennitti, don Benedetto Minchella e i volontari della Caritas, hanno accolto con grande gioia la generosa donazione. 

L'appello sui social

La pandemia ha impoverito tantissime famiglie che hanno difficoltà nel comprare cibo e per questo sempre più numerose e con grande dignità si rivolgono alle parrocchie. Il Comune di Cassino, per come ha potuto, ha dato sostegno ma i fondi a disposizione sono finiti da tempo. A seguito di ciò molti cittadini sono sprofondati nella disperazione più nera e per questo motivo i due sacerdoti hanno lanciato l'appello attraverso la pagina social Cassino, Breaking News, per dar vita ad una raccolta straordinaria di generi alimentari. Hanno risposto in tantissimi e ognuno, a seconda delle possibilità, ha donato cibo da destinare a chi non ha nulla. Una mobilitazione commovente che ha dimostrato quando gli abitanti di Cassino siano sempre generosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, ristoratore dona cento chili di viveri ai poveri di Cassino

FrosinoneToday è in caricamento