Attualità

Coronavirus, ad aprile 102 vittime in Ciociaria: oltre 600 da inizio pandemia. Ma anche tante storie di speranza

In provincia di Frosinone, contando anche le 97 di marzo, 199 vittime: quasi un terzo delle 612 totali. Dalle tragedie alle guarigioni e terapie coi monoclonali. 157 i neonati in un mese. E la Asl fa sapere che "è stato vaccinato il 30% della popolazione"

Foto ANSA

In provincia di Frosinone i 97 decessi con Covid notificati nel mese di marzo 2021 sono seguiti dai 102 di aprile. In tutto 199 vittime in 61 giorni: più o meno una media di tre al giorno. Sono quasi un terzo, il 32.5%, delle 612 avute in Ciociaria dall’inizio della pandemia da Coronavirus. Una tregua, dopo oltre due mesi, si è per fortuna avuta nella giornata di oggi. In aggiunta la lieta notizia della nascita di 157 bebé nel mese in via di conclusione. 

Nell’ultimo mese sono stati il Capoluogo e nuovamente Veroli – dopo i 15 di marzo – a far registrare il maggior numero di morti: 10 in entrambe le cittadine. Seguono, a quota 9, Alatri e Cassino. In generale, freddi numeri che celano un immenso dolore di familiari e intere comunità. Di contro, per fortuna, anche tante storie che fanno ben sperare alla volta dell'uscita dal tunnel del Coronavirus. Anche se ad oggi sono occupati 19 posti di terapia intensiva su 24.  

La manager della Asl di Frosinone Pierpaola D'Alessandro, nel frattempo, evidenzia che "il 30% della popolazione è stato vaccinato". Da lunedì 3 maggio 2021, inoltre, saranno attivi altri punti vaccinali: Villa degli Ulivi a Sant’Elia Fiumerapido e il Centro diagnostico di Arce. L’accesso avviene solo attraverso la prenotazione sulla agenda regionale.

Verrà intensificato, inoltre, lo screening sulle comunità in cui si sospetta la presenza di varianti. "Ad oggi - fa sapere la direttrice generale dell'Azienda sanitaria ciociara - non ci risulta nessun caso". 

Coronavirus in Ciociaria, il bollettino del 30 aprile: niente decessi dopo oltre 2 mesi

Marzo e aprile 2021 in Ciociaria: gli ultimi due mesi a confronto

Nel mese di aprile 2021 ci sono stati 2.539 nuovi casi, 4.459 guariti a fronte di 53.691 tamponi. A marzo, invece, i neo positivi erano stati 6.041 e i negativizzati 5.659 a fronte di 59.609 test diagnostici e di controllo. Quindi, con 5.918 tamponi in meno, si sono registrati 3.502 contagiati e 1.200 guariti in meno. 

Tragedie: dal più giovane al carabiniere, passando per tre lutti familiari

Si è passati dalla scomparsa del più giovane della triste serie ciociara, un 50enne di Villa Santo Stefano affetto da leucemia, a quella di un altro carabiniere: il 57enne Ivano Rea, originario di Arpino e residente a Sora.

Passando, nel mentre, per tre tragedie familiari: le morti, a distanza di poche ore le une dalle altre, di una 87enne e una 59enne di Pontecorvo (madre e figlia), di un 76enne e un 80enne di Vallecorsa (fratelli) e di marito e moglie di Cassino, ovvero il 74enne Luigi Di Bartolomeo e la 68enne Marta Verallo. Quest’ultima deceduta fuori provincia, all’ospedale Gemelli di Roma, e pertanto non riportata nei bollettini della Asl di Frosinone.

Speranze: dalle guarigioni ai monoclonali, tra le lezioni dei nonnini

Tra le tante note liete del mese di aprile 2021 quelle del 46enne di Ceprano Massimo Patriarca, uno dei tanti guariti al pari di una madre e una figlia ricoverate insieme all'ospedale Spaziani di Frosinone. E poi il 60enne di Ceccano Angelo Barboni, in netto miglioramento grazie alla terapia con gli anticorpi monoclonali.

C'è anche la nonnina 83enne di Ferentino che, dopo aver ricevuto le due dosi di vaccino anti Covid, si è espressa così: “Guardando piccoli angeli, ho anche pensato ai bulletti di quartiere”. Non solo Covid però. Vedi il 93enne di Sant'Elia Fiumerapido Pasquale Varone, che si è fatto operare in piena emergenza sanitaria: "Non volevo morire sfigurato". Proprio oggi, infine, il ritorno a casa del vicecomandante dei carabinieri di Boville Bernardo Sanfilippo dopo due mesi di lotta contro il Covid in terapia intensiva. 

D'Alessandro (Asl): "Il 30% della popolazione è stato vaccinato"

Dall’inizio della campagna di vaccinazioni, la ASL di Frosinone ha effettuato 132.697 vaccinazioni, di cui quasi 60 mila ad aprile. Le secondi dosi inoculate sono  43.924. Il 30% della popolazione della Provincia di Frosinone si è sottoposta al vaccino. "Un risultato molto soddisfacente raggiunto attraverso lo sforzo di tutti che ci permetterà di raggiungere a breve l’immunità di gregge, fissato al 60% della popolazione vaccinata".

16-19

20-29

30-39

40-49

50-59

60-69

70-79

80-89

+90

98

2.907

6.162

9.639

13.327

22.999

39.969

39.969

8.942

Covid, aprile 2021: i 102 cittadini deceduti in provincia di Frosinone

10: Frosinone (un 59enne, un 63enne, una 71enne, un 71enne, un 74enne, una 79enne, una 80enne, una 81enne, un 85enne e un 90enne) e Veroli (una 55enne, una 58enne, una 74enne, due uomini 76enni, un 79enne, un 81enne, un 83enne, una 86enne e un 91enne)         

9: Alatri (una 66enne, due uomini 74enni, una 74enne, un 75enne, una 77enne, una 78enne, una 80enne e una 86enne) e Cassino (un 56enne, una 68enne, una 72enne, un 73enne, una 74enne, una 78enne, una 83enne e due uomini 92enni)

4: Ceccano (un 58enne, un 61enne, un 67enne e un 86enne), Cervaro (un 56enne, un 70enne, una 75enne e un 85enne) e Pontecorvo (una 56enne, un 79enne, una 87enne e un 90enne)

3: Boville Ernica (un 68enne, una 83enne e una 92enne), Ceprano (un 66enne, un 78enne e un 80enne), Ferentino (un 67enne, un 80enne e una 94enne), Isola del Liri (un 66enne, una 78enne e una 91enne), Sora (una 65enne, un 74enne e una 82enne) e Vallecorsa (una 69enne e due fratelli, un 76enne e un 80enne).

2: Arpino (un 57enne, il carabiniere Ivano Rea, e un 85enne), Coreno Ausonio (una 84enne e una 85enne), Fiuggi (un 78enne e un 88enne), Giuliano di Roma (una 65enne e un 65enne), Monte San Giovanni Campano (un 58enne e una 88enne), Supino (un 76enne e una 87enne) e Villa Santa Lucia (una 64enne e un 83enne). 

1: Alvito (una 72enne), Anagni (una 73enne), Arnara (un 50enne), Belmonte Castello (una 92enne), Castro dei Volsci (una 91enne), Colfelice (un 74enne), Fontana Liri (un 77enne), Guarcino (un 58enne), Morolo (un 67enne), Picinisco (un 57enne), Pico (una 74enne), Ripi (un 90enne), Rocca d’Arce (un 90enne), San Donato Val di Comino (un 66enne), San Giovanni Incarico (una 66enne), Sant’Elia Fiumerapido (un 66enne), Sgurgola (una 89enne), Torrice (un 88enne), Trivigliano (un 76enne) e Villa Santo Stefano (un 50enne).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, ad aprile 102 vittime in Ciociaria: oltre 600 da inizio pandemia. Ma anche tante storie di speranza

FrosinoneToday è in caricamento