Coronavirus, i dati del contagio nel Lazio. In provincia di Frosinone il 9,4% dei casi

I guariti sono il 6%, la fascia tra i 60 ed i 79 anni la più esposta. I comuni chiedono maggiore chiarezza alla Asl

Nei giorni in cui dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, arrivare il picco dei contagiati dal coronavirus in tutta Italia si iniziano ad avere anche dei dati statistici molto interessanti per capire l’andamento e la diffusione del Covid-19 anche nel lazio ed in particolare nella Regione Lazio.

I dati del SERESMI

“Dall’analisi dei casi positivi a cura del SERESMI, Servizio Regionale per la Sorveglianza delle Malattie Infettive-Istituto Lazzaro Spallanzani emerge che: sui casi positivi confermati nel Lazio, il 61% sono di sesso maschile e il 39% sono di sesso femminile.  L'età mediana - Lo comunica in una nota l’Assessorato alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio - è 59 anni. Il 32% è in isolamento domiciliare. I guariti ad oggi sono il 6%. Le classi di età maggiormente esposte sono: da 60-79 anni per il 36%, da 50-59 per il 21,7%, da 80-89 l'11,2% gli ultranovantenni sono l'1,8%. Il 10% dei casi è tra i 30-39 anni. Ad oggi il 51,2% dei casi risiede a Roma città, mentre il 21,9%, risiede nella Provincia di Roma. Il 9,4% a Frosinone, il 6,3% a Viterbo, il 5,3% a Latina, il 2,3% a Rieti e il 3,6% viene da fuori Regione”.

Le richieste dell’Anci Lazio

Fin qui i dati ma la cosa che sta emergendo in questi giorni è anche la mancanza di chiarezza nella diffusione dei dati da parte delle Asl territoriali come già frosinonetoday.it aveva rimarcato nei giorni scorsi.

Nella giornata di ieri, dopo specifica richiesta da parte di ANCI Lazio, la Regione ha risposto con una nota sull’opportunità di portare a conoscenza dei Comuni i dati relativi alle persone dello stesso Comune affette da Coronavirus sia che esse siano obbligate alla sorveglianza domiciliare sia che siano ricoverate in strutture sanitarie.

I numeri in crescita del 17 marzo

I dati saranno utilizzati, come chiarito anche dalla nota della Protezione Civile, ai soli fini di contrasto all’epidemia. “Continuiamo a lavorare – spiega Riccardo Varone – a stretto contatto con la Regione per rendere il lavoro dei Sindaci più semplice in questa situazione.  Conoscere i dati delle persone affette dal virus può aiutare i Comuni a contrastare l’epidemia con maggiore efficacia… Inoltre, l’assenza di informazioni in arrivo dai canali ufficiali ha prodotto un vero e proprio inseguimento delle stesse attraverso i mezzi di informazione locale e nazionale, nonché attraverso i social e altri canali che hanno reso, spesso, molto più confusa la visione generale della situazione, una confusione che un Sindaco non può permettersi di sperimentare”.

Il documento chiarisce che i soggetti legittimati alla ricezione dei dati sono indicati, in particolare, nelle Prefetture, nelle forze di polizia, nei Vigili del Fuoco, infine nei Comuni.

Le parole del Sindaco di Fiuggi

Questa carenza a livello comunicativo nel sistema era stato già fatto notare dal Sindaco di Fiuggi Alioska Baccarini al Direttore Generale dell'ASL Dott. Stefano Lorusso (che se ne è fatto portatore presso S.E. Prefetto Dott. Portelli) nel momento in cui erano state richieste alla Polizia Locale di Fuggi verifiche e accertamenti sulle persone sottoposte a quarantena domiciliare.

Il sindaco Baccarini dichiara: "Posso affermare che nella giornata di ieri e di oggi non si sono riscontrati casi di positività nei nostri concittadini. Finalmente è stata risolta questa carenza ed i sindaci, in virtù del loro ruolo di autorità sanitaria, verranno informati su eventuali casi di positività sui loro territori, siano essi obbligate alla vigilanza domiciliare o ricoverati in strutture sanitarie. Ricordo ai miei concittadini di seguire scrupolosamente le indicazioni degli organi preposti e di restare a casa, eseguendo gli spostamenti consentiti. Mostrando grande accortezza negli spostamenti, potremmo presto tornare a vivere con le nostre abitudini!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento