menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti durante la conferenza stampa allo Spallanzani di Roma

Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti durante la conferenza stampa allo Spallanzani di Roma

Coronavirus, nel Lazio obbligo di mascherina all'aperto a qualsiasi ora: ecco cosa cambia

L'ordinanza di Zingaretti è stata ufficializzata nella conferenza stampa tenuta con D'Amato presso l'Istituto Spallanzani di Roma. Annunciate altre due novità: test salivari negli istituti comprensivi e vaccino antinfluenzale disponibile anche in farmacia

Importanti novità in materia di Covid sono state annunciate nella mattinata di oggi, venerdì 2 ottobre, dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti e dall'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato nel corso della conferenza stampa tenuta all'Istituto Spallanzani di Roma. Innanzitutto, alla luce del valore Rt (indice di contagiosità) arrivato appena oltre la soglia di guardia (1.09), è scattata l'ordinanza di obbligo di mascherina all'aperto a qualsiasi ora e avrà efficacia a partire da domani. Coloro che non indosseranno il dispositivo di protezione, pertanto, saranno passibili di multe da 400 euro in su. Le mascherine non dovranno essere indossate forzatamente soltanto dai bambini di età inferiore ai 6 anni, da chi soffre di patologie incompatibili con l'uso delle stesse e dalle persone impegnate in attività motoria o sportiva. 

Da martedì 6 ottobre, inoltre, anche negli istituti comprensivi (scuole materne, primarie e secondarie di primo grado) prenderanno il via i test salivari già in esecuzione negli aeroporti, nei porti e nelle scuole superiori. Per gli alunni più piccoli sarà attuato un metodo meno invasivo, tramite una salivetta masticabile come un chewing gum. Nel quadro della campagna antinfluenzale, diretta alla fascia d'età compresa tra 6 mesi e 6 anni e a quella degli ultrasessantenni, l'ordinanza numero Z00062 firmata dallo stesso Zingaretti prevede che 100 mila dei 2.4 milioni di dosi di vaccino siano messe a disposizione delle farmacie a partire dal prossimo 15 ottobre. Ogni settimana ne saranno fornite 20 mila "allo scopo - recita il provvedimento - di perseguire in modo efficace l’obiettivo di generale copertura vaccinale e di assicurare che il SSR possa fronteggiare l’aumento di domanda anche per le persone di età compresa tra 18-59 anni". A tal proposito, i costi sostenuti nell'immediato dagli acquirenti saranno poi rimborsati dalla Regione Lazio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento