Coronavirus, D’Amato: “Tamponi periodici a domicilio per gli assistiti fragili Adi”

Nel Lazio parte la misura di prevenzione anti-Covid a favore delle 30 mila persone non autosufficienti, perlopiù anziane, che usufruiscono dell’assistenza domiciliare. Richiesto alle Asl un monitoraggio del servizio e del personale sanitario coinvolto

L’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, nel quadro delle misure di prevenzione anti Coronavirus, ha reso nota la determina con la quale si dà il via nel Lazio ai tamponi periodici a domicilio per gli utenti del servizio di Assistenza domiciliare integrata (Adi). “Questo - ha spiegato D’Amato - per garantire una sorveglianza e prevenire situazioni di positività all’interno di un contesto di maggior fragilità”. 

La platea degli assistiti Adi è composta da circa 30 mila persone non autosufficienti, perlopiù anziane, e a questo punto le Asl potranno richiedere altresì alle strutture private erogatrici del servizio di ampliare gli accessi a domicilio a ulteriori assistiti Covid.  

Alle Aziende sanitarie, inoltre, lo stesso D’Amato chiede “di monitorare con attenzione il personale sanitario utilizzato e l’erogazione del servizio che serve ad aumentare l’assistenza e la sorveglianza anche per quanto riguarda l’emergenza Covid-19 per i soggetti più fragili a domicilio. La richiesta di tutelare maggiormente i pazienti più fragili - riconosce in conclusione - mi è stata segnalata anche da molti consiglieri regionali delle varie forze politiche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento