menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MSG Campano, il grande cuore di 'Crispino': parte della sua raccolta fondi devoluta allo 'Spaziani' (video)

Francesco Perna, atleta di handbike, ha deciso di destinare quanto raccolto per la sua attività sportiva all'ospedale di Frosinone

Solidarietà da chi ha sua volta ha ricevuto solidarietà. In piena emergenza Coronavirus, fortunatamente, emergono anche storie belle da raccontare. Storie, azioni, gesti che emozionano arrivando a toccare le corde del cuore come quello compiuto da Francesco Perna, per gli amici Crispino. 37 anni di Monte San Giovanni Campano, in provincia di Frosinone, Francesco è affetto da Atassia di Friedreich, una malattia genetica altamente invalidante che nel giro di pochissimo tempo lo ha privato della propria autonomia costringendolo sulla sedia a rotelle. Francesco è un atleta di handbike con un grande sogno nel cassetto, diventare atleta paralimpico. Di lui, del suo sorriso, della sua grandissima forza di volontà e del motto IO NON MOLLO, abbiamo parlato in diverse occasioni ma ora vogliamo aggiungere un ulteriore tassello. 

Componente della Velosport di Ferentino, per finanziare la sua attività sportiva dallo scorso anno ha deciso di organizzare cene di beneficenza che ogni volta registrano il sold out. Ebbene ieri sera Crispino ha pubblicato un post su Facebook in cui ha comunicato la decisione presa dall'associazione Io non Mollo:  devolvere parte del ricavato della cena di gennaio all'ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone. 

"Siccome la mia stagione agonistica è seriamente messa in dubbio, l’associazione #iononmollo tutta, ha deciso di devolvere una parte del ricavato della “Cena con Crispino 2.0 dello scorso 24 gennaio, all’ospedale Spaziani di Frosinone a favore dell’emergenza Coronavirus. Grazie a tutti". Inutile sottolineare che il post ha ricevuto centinaia di commenti e like così come il video pubblicato qualche giorno fa in cui Crispino ha dedicato un pensiero a chi ogni giorno è costretto ad affrontare enormi difficoltà, ben superiori al non uscire di casa, a non poter fare aperitivi o andare a cena fuori per qualche tempo. Parole da ascoltare con grande attenzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento